Nello zoo di Scopelliti: tra leoni, iene, sciacalli e… cinghiali

Immagine«Porrò all’attenzione dell’Assemblea nazionale del mio partito una chiara riflessione rispetto alla contraddittorietà di talune scelte attuate per le Europee nella circoscrizione meridionale e lì chiederò a Gaetano Quagliariello di spiegarmi molte cose». Lo ha detto a Reggio Calabria, incontrando i giornalisti, il presidente dimissionario della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, di Ncd, non eletto alle elezioni europee, aggiungendo di non essere «interessato alla carica di sottosegretario di Stato». Ancora Scopelliti (nella foto la conferenza stampa, al suo fianco Alberto Sarra e Antonio Caridi): «Il Nuovo centrodestra è nato per catalizzare tutti gli altri partiti di destra perché inclusivo e perché ha un leader come Angelino Alfano, l’unico in questo momento politico capace di condurre in porto l’unificazione del centrodestra. Io sono dell’idea – ha aggiunto – che occorre ricostituire il centrodestra tenuto conto dell’implosione di fatto di Forza Italia e della debolezza del risultato di Fratelli d’Italia». Scopelliti ha aggiunto di non essere «stupito del risultato del voto di Cosenza», dove il candidato alle Europee più votato è stato Filippo Piccone, con 658 preferenze, mentre il presidente della Regione Calabria dimissionario ne ha ottenuti 419. Non ha citato i Gentile – che a Cosenza l’hanno “boicottato” – anche se il riferimento ai due fratelli è stato evidente quando ha detto «ognuno risponderà alla propria coscienza». Poi Scopelliti ha concluso: «Ringrazio quanti mi hanno sostenuto e sono stati accanto a me in questa campagna elettorale. A 47 anni mi sento di dire che abbiamo perso una partita, ma abbiamo ancora tanta strada da fare». Qualche minuto prima della conferenza stampa, sulla sua pagina facebook, lo stesso Scopelliti aveva postato una citazione da “Il Gattopardo” di Tommasi di Lampedusa: “Scopelliti dopo il voto: Fummo i leoni, dopo di noi verranno iene e sciacalli. Adesso ripartiamo”. Verrebbe da aggiungere: leoni ma anche cinghiali, come quei cinghiali del Cosentino – un esempio, i fratelli Gentile – che prima l’hanno accompagnato e poi l’hanno tradito. Ha avuto a disposizione quasi cinque anni, Scopelliti, per rendersene amaramente conto. Ma forse, anche in politica vale il detto: “dimmi con chi vai e ti dirò chi sei”… (a. c.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...