L'incredibile "spettaculo" dei Tre allegri ragazzi morti a Jacurso

L’incredibile “spettaculo” dei Tre allegri ragazzi morti a Jacurso

L’incredibile spettaculo de la vida, l’incredibile spettaculo de la muerte dei Tre allegri ragazzi morti è sbarcato a Jacurso grazie alla rassegna Suoni pindarici portata avanti dall’assessore alla Cultura Loredana Ciliberto che ha voluto fortemente il gruppo di Pordenone per l’edizione 2014. Un evento nell’evento perché è raro vedere la band di Davide Toffolo, Enrico Molteni e Luca Masseroni a queste latitudini e perché la Ciliberto è riuscita a far arrivare nel lametino la tournée del ventennale dalla fondazione dei Tarm.

Toffolo & co. hanno portato in scena, rigorosamente col viso coperto dalle maschere che caratterizzano la loro esibizione, gran parte del materiale prodotto dal 1994 ad oggi nel tour definito “Tre allegri ragazzi morti per principianti” proprio per permettere ai nuovi fan di scoprire le origini del gruppo. Fra questi nuovi fan anche tanti vecchi aficionados dei Tarm pronti a cantare a squarciagola le “lontane” Occhi bassi, Come mi vuoi, Signorina primavolta, Un idiota ma anche i brani degli ultimi due album Puoi dirlo a tutti di Primitivi dal futuro del 2010 o La mia vita senza te e Alle anime perse de Il giardino dei fantasmi datato 2012. Sul palco con loro anche un quarto ragazzo morto ovvero Andrea Maglia, alla seconda chitarra, e per cantare Il mondo prima ritorna anche la storica voce femminile di Marcella che accompagnava la band nel tour del 2007. Per una canzone, insomma, sul palco ci sono i Cinque allegri ragazzi morti proprio come nel fumetto incompiuto del cantante Davide Toffolo (che oggi è anche un musical), noto come autore affermato del genere. Il momento più emozionante arriva quando i Tarm si tolgono la maschera per eseguire il set dedicato ai “principianti”: lo spirito è quello di ritornare al 1994 quando si esibivano in piccoli club per farsi conoscere e il loro volto era ancora scoperto. Toffolo dal palco è deciso: per chi scatterà foto saranno guai e l’esibizione immediatamente interrotta. Ma il pubblico di Jacurso è Tarm-dipendente e se ne sta buono buono ad ascoltare i pezzi più punk’n’roll degli esordi come Quindici anni o Fortunello liberamente tratta dal personaggio interpretato da Ettore Petrolini. Il concerto fila per ben due ore con tanto di bis improvvisato perché dal pubblico chiedono a gran voce l’esecuzione di Prova a star con me un altro inverno a Pordenone. Toffolo manca qualche parola e ringrazia i “principianti” per i suggerimenti dispensando bacini e rock’n’roll per tutti.

Francesco Cangemi

(la foto è stata scattata da matteo branca)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...