Regionali, Nichi Vendola: non basta vincere…

La barra a sinistra per evitare la vittoria del solito “gattopardismo”. Il leader nazionale di Sel Nichi Vendola traccia la linea del partito, che sostiene la corsa del candidato governatore per il centrosinistra Mario Oliverio.

Parlando a Catanzaro in un’iniziativa con i candidati nella circoscrizione centrale, Vendola spiega che «il centrodestra perderà ma noi non vinceremo il giorno delle elezioni, bensì vinceremo nell’azione del governo regionale, altrimenti queste elezioni si trasformeranno nella mera sostituzione di un ceto politico a un altro e di un “principe” a un altro. Il centrosinistra vincerà perché è impossibile fare peggio di questo centrodestra, che ha espresso un presidente che ci ha messo un impegno e un virtuosismo straordinari nel perdere un miliardo di fondi comunitari, un centrodestra che in Calabria passa dalla politologia alla criminologia. Non ho nulla contro la candidata governatore Ferro ma mi sembra che si presenti come il frutto di un esorcismo: “non parliamo più di niente, non parliamo più di Scopelliti, del suicidio di una dirigente”. Ma – avverte il leader di Sel – nemmeno noi ce la caviamo se ragioniamo soltanto sul terreno della raccolta dei voti, la differenza sarà nell’azione di governo». Secondo Vendola «il fatto che la Calabria 5 anni fa è finita nelle mani di Scopelliti, non è solo un argomento di polemica politica ma è il segno della scomparsa del Sud, che ha smesso di raccontarsi. Noi abbiamo bisogno di riprendere la parola: tra il 2009 e il 2012 180 milioni per le università del Sud sono finiti al Nord grazie alla teoria cara alla Gelmini ma anche a chi è arrivata dopo di lei secondo cui bisogna finanziare chi sta meglio, senza rendersi conto che il Sud non aveva bisogno dell’esercito ma di università, ricerca, cultura, innovazione. Se non coniughiamo politica e cultura – prosegue il leader di Sel – non ci salveremo e non alzeremo la testa. La Calabria ce la può fare, la Puglia un po’ ce l’ha fatta ma senza la Calabria non ce la fanno né la Puglia né l’Italia né l’Europa». Vendola poi si scaglia contro «il silenzio calato sul tema della mafia: la politica non se ne occupa più, sembra normale anche l’inchino di una statua della Madonna a un boss nel corso di una processione e davanti agli occhi dei politici. La Calabria fa battere il cuore per bellezza e ricchezza, ma dobbiamo anche attraversare i luoghi della vergogna: vedere com’è ridotta oggi Catanzaro, vedere le connessioni tra politica e criminalità organizzata a Reggio Calabria, vedere cosa succede nei paesini della Locride nei quali magari si costruiscono reti criminali in Australia o in Canada, tornare a Gioia Tauro e vedere cos’è successo al porto. Noi possiamo contare su figure come Giannetto Speranza, che ha fatto capire che c’è un’altra Calabria, un sindaco con la schiena dritta in una trincea come Lamezia Terme. Come lui Italo Falcomatà: ancora oggi mi chiedo perché venne perseguitato con 30 avvisi di garanzia, ma in Calabria anche la giustizia è stata spesso molto strana, l’antimafia spesso dannosa come la mafia. Dire tutte queste verità ci libera dal peccato: la Calabria – conclude Vendola – si salva se ci sarà una partecipazione dal basso che non fa sconti a nessuno, nemmeno al centrosinistra». Sulla stessa lunghezza d’onda anche Gianni Speranza, capolista di Sel nella circoscrizione centrale, che ricorda al Pd e al candidato governatore Oliverio «il sostegno che Sel ha dato loro nel momento in cui da Roma si voleva imporre l’alleanza con il Nuovo Centrodestra e la necessità che l’azione di governo sia davvero di cambiamento». E Speranza infine polemizza con la sinistra confluita nell’”Altra Calabria”: «E’ stato brutto riprendere l’esperienza europea di Tsipras per fare alle Regionali un’operazione elettorale che rischia di tenere fuori tutta la sinistra dal consiglio regionale». (a. c.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...