The Cult of Fluxus arriva al Morelli domani sera

Sposalizio sperimentale tra musica, recitazione e scrittura, “The Cult of Fluxus” nasce da un’idea dell’attore e regista Ernesto Orrico, autore dei testi pubblicati sulla rubrica di scrittura automatica di “Fatti al cubo”; dieci frammenti che poi, con la stessa immediatezza, vengono affidati  ad alcuni musicisti di varia estrazione che li trattano sonoramente. The Cult of Fluxus è il risultato.

“Ho chiesto a questi manipolatori di suoni  – dice lo stesso Orrico in una intervista sul web – di intervenire e di aggiungere qualcosa. Il tutto, anche se mediato da una post-produzione, ha a che fare con l’improvvisazione. Se tutti hanno rispettato i termini del gioco l’esperimento può considerarsi riuscito perché alla fine restituisce una verità artistica di approccio che parte dalla scrittura, passa dalla registrazione di una voce e sfocia nel riadattamento sonoro”.
Nel gruppo la voce, oltre a quella di Orrico, appartiene a Flavia Lisotti; loop e potenziometri, Mattia Argieri.
The Cult of Fluxus è narrazione frammentata, parola detta a voce piena, parola urlata, straziata, distorta… che si fonde e confonde con la ricerca di linee melodiche di matrice soul e con loop e beat di diversa provenienza. Performance aperta all’improvvisazione e al cambio rapido di coordinate sonore.
Le altre date in programma sono il 13 dicembre a Lamezia Terme e il 18 gennaio a Taurianova.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...