CIAO TOTONNO

Non è più fra noi Totonno Chiappetta, attore. Già attore perché Antonio Chiapetta, noto a tutti semplicemente come Totonno, è uno di quei pionieri del teatro cosentino e calabrese che non ha affiancato a questa un’altra professione come spesso capita quando uno si dichiara attore.
Lui lo era, oltre ad essere poeta, letterato e, da un paio d’anni, autore di caricature che regalava al Calabria Ora prima L’Ora della Calabria poi in una rubrica chiamata Calabroni. Ai disegni affiancava sempre dei versi per celebrare chi era ritratto o per prenderlo in giro. Sberleffo che non prevedeva volgarità gratuita o cattiveria. Sembra retorico dover dire che Totonno Chiappetta fosse una persona buona ma è così. Totonno è sempre stato un grande amante dei giornali, sempre informato e fra le sue amicizie di giornalisti ce ne stavano tanti. Una passione, quella per la carta stampata, che ha trasmesso al primo figlio Luigi Maria. Gigino, come tutti lo chiamiamo, è un nostro collega e a lui ci stringiamo fortissimo; un abbraccio che allarghiamo al fratello Mauro e alla loro mamma. Lavorando con Gigino abbiamo avuto anche la fortuna di conoscere meglio Totonno. Lo abbiamo “sfruttato” in mille maniere. Ci ha raccontato migliaia di aneddoti, regalato i suoi ritratti speciali, la foto che amava farsi scattare a Ferragosto in una Cosenza vuota. La sua amata Cosenza. Ogni volta che la nostra memoria non riusciva a ricordare qualcosa, noi facevamo una telefonata a Totonno. E via lì a darci informazioni o a scrivere un intervento per le nostre pagine. Non ha mai alzato la cornetta per chiederci di seguire o pubblicizzare un suo spettacolo. Mai. Le sue esibizioni in carcere dovevamo scoprirle da soli e, ogni volta che ne scrivevamo, ci ringraziava con tanta gioia. Di lui ci piace ricordare anche quando ci faceva pervenire i complimenti per qualche articolo che gli era particolarmente piaciuto. Anche le critiche. Con tutta l’esperienza accumulata sulle sue spalle fra teatro, piazze, tv e cinema avrebbe potuto essere superbo con chiunque e invece è sempre rimasto un umile e generoso; proprio in questi ultimi anni non negava mai collaborazioni a giovani registi per cortometraggi o altri tipi di esperimenti video. Totonno, nipote dell’omonimo Antonio Chiappetta padre della maschera di Jugale, se ne va a 59 anni e oltre ad un grande dolore ci lascia tanti, tantissimi ricordi legati alla sua attività e alla sua persona. L’ultimo saluto avverrà nella sua Carolei, giovedì 18 alle ore 16.30 nella chiesa del Carmine; dalle 8.30 sarà allestita la camera ardente nella sala consiliare. Grazie di tutto Totonno, grazie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...