Catanzaro, l’esordio del prefetto Latella

“Conosco bene la Calabria, avendo lavorato per 20 anni tra Reggio e Vibo, e naturalmente sono contentissima di essere qui”. E’ quanto ha affermato il neo prefetto di Catanzaro Luisa Latella incontrando i giornalisti dopo il suo insediamento. “Le problematiche di Catanzaro sul piano della sicurezza pubblica – ha aggiunto la Latella, che proviene da Foggia – sono meno impellenti di altre realtà ma comunque ci sono, per questo ci sarà fortissima attenzione su Catanzaro perché comunque la criminalità c’è e in ogni caso bisogna sviluppare al massimo la prevenzione, perché quando arrivano le forze dell’ordine e la magistratura il problema è ormai degenerato e c’è una patologia. in tempo di crisi la criminalita si avvantaggia, bisogna capire quando questa situazione si verifica a Catanzaro, è una delle priorità da affrontare”. Secondo la Latella “il rapporto con la Regione è fondamentale, non si ha idea di quanti problemi anche seri si affrontano e si risolvono insieme, in Puglia è andata bene. Spero di fare anche qui un buon lavoro, conosco il presidente Oliverio da quando era alla guida della Provincia di Cosenza e spero di incontrarlo al più presto. La Calabria perde i suoi figli migliori: bisogna acquistare una capacità di fare squadra che – dobbiamo dircelo francamente – qui non c’è e altrove nel sud c’è, altrimenti non si cresce. Altrettanto importante è costruire un buonrapporto con la Provincia e i Comuni, così come ritengo importante il coinvolgimento dell’associazionismo. Occorre un lavoro di rete tra tutte le componenti della società”. Il neo prefetto di Catanzaro si è poi soffermato anche sull’emergenza rifiuti: “Da quello che finora ho potuto vedere qui la situazione sembra meno problematica di altre realtà provinciali ma comunque c’e molto da fare. L’emergenza rifiuti in Calabria è difficile risolverla per tutte le dinamiche che si agitano nel settore, l’ho vissuta nel mio periodo di permanenza all’ufficio del commissario. Bisogna costruire una rete ma – ha concluso la Latella – bisogna anche cambiare alcune logiche, è necessaria una comune volontà di risolvere il problema mettendo al bando particolarismi e campanilismi”. (a. c.)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...