Vanessa è a casa, il papà: non deve scusarsi di nulla…

Vanessa e Greta, le due ragazze italiane liberate giovedì dopo 5 mesi di prigionia in Siria, sono tornate nelle rispettive case, a Verdello (Bergamo) e a Gavirate (Varese). Vanessa Marzullo, che è originaria di Cosenza, si è affacciata alla porta della casa in cui è tornata a Verdello per salutare i tanti giornalisti presenti (la giovane è con il padre nella foto tratta dal sito dell’Ansa). La ragazza, visibilmente stanca, ha fatto un gesto di saluto e si è limitata a dire «grazie». In precedenza, sollecitata dai cronisti, ha confermato di essere contenta di essere tornata. A sua volta il padre, Salvatore, ha affermato che Vanessa «non ci ha chiesto scusa, perché non c’era nulla per cui chiedere scusa. L’ho trovata bene e non ha subito violenze – ha aggiunto – Si è dunque trattato di una brutta storia fortunatamente a lieto fine. Ora ha bisogno di qualche giorno di tranquillità. Anche a noi non ha ancora raccontato i dettagli. Ringrazio di cuore tutti quelli che ci sono stati vicini in questi mesi e in questi ultimi giorni – ha sottolineato Salvatore Marzullo – dal governo ai nostri vicini».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...