Antiracket, parte il progetto “Informare per resistere”

“Informare per resistere” è il titolo del progetto antiracket che il Coordinamento Antimafia ha realizzato nell’ambito della Rete per la legalità con la Camera di Commercio di Reggio Calabria. Il percorso interesserà oltre che Reggio città, la sua provincia con Rosarno per l’area tirrenica e Roccella per la Ionica. Le scuole partecipanti sono l’istituto Piria di Rosarno, il Liceo Mazzone di Roccella Ionica e il Boccioni di Reggio Calabria. Gli studenti incontreranno le vittime del racket, ascolteranno le loro testimonianze e visiteranno le loro aziende. Il progetto, di cui è responsabile Adriana Musella (nella foto), è coordinato dalla professoressa Maria Rosaria Russo. Domani un apposito seminario dal titolo “Imprenditoria e racket” si svolgerà presso l’Istituto Piria di Rosarno con l’intervento del presidente della Camera di Commercio Dattola, il procuratore aggiunto Paci e gli imprenditori Gaetano Saffioti e Antonino De Masi. Martedì al Boccioni di Reggio Calabria la testimonianza di Tiberio Bentivoglio in un incontro dal titolo “Il coraggio di resistere”. Sabato 24 gennaio a Roccella il seminario dal titolo “Dalla Parte dello Stato” vedrà come relatori Il prefetto Santi Giuffré, Commissario antiracket e i magistrati Giuseppe Lombardo e Luigi D’Alessio, procuratore capo di Locri.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...