Omicidio Musy, ergastolo per il vibonese Furchì

Ergastolo per il vibonese Francesco Furchì, l’uomo accusato dell’omicidio del consigliere comunale torinese Alberto Musy. Questa la sentenza della Corte di Assise di Torino. Musy venne ferito a colpi di pistola il 21 marzo 2012 nell’androne di casa e morì dopo sette mesi di agonia. “Sono innocente, è un’ingiustizia”. Così Furchì ha commentato la sentenza, prima di lasciare l’aula accompagnato dalla polizia penitenziaria. Durante la lettura del dispositivo, Furchì ha scosso più volte la testa in segno di disapprovazione ed ha esclamato rivolgendosi ai suoi avvocati “non è giusto”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...