Beni confiscati, Gratteri: male l’Agenzia, serve un manager

“L’Agenzia per i beni confiscati alle mafie così come è non funziona, non serve, è farraginosa, non sono stati neanche catalogati tutti i beni sequestrati in Italia alla criminalità organizzata”. Lo ha affermato il procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri, intervistato dal Giornale Radio Rai. Gratteri suggerisce una Agenzia guidata da un manager, da un amministratore, non da un prefetto o da un magistrato. “Al vertice – ha aggiunto Gratteri – serve un manager che abbia competenze sulle gestione di beni, di società, di aziende e bisogna reclutare il personale attraverso concorsi, non trasferendolo da altre amministrazioni perché si rischia di mettere in servizio dipendenti poco motivati e privi di competenze specifiche”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...