‘Ndrangheta, la Dna: appoggi “interni” al porto di Gioia

“Le indagini hanno evidenziato a Reggio Calabria la perdurante posizione di assoluta primazia della ‘ndrangheta nel traffico internazionale di stupefacenti, ha generato, e continua a generare, “imponenti flussi di guadagni in favore della criminalità organizzata calabrese che reinveste, specie nel settore immobiliare, i proventi questa attività”. E’ quanto rimarca la Direzione nazionale antimafia nell’annuale relazione presentata oggi. Il “monopolio” del narcotraffico – rileva ancora la Dna – è consentito anche e soprattutto dal “controllo totalizzante del porto di Gioia Tauro dove – si legge nella relazione – gli ‘ndranghetisti riescono a godere di ampi, continui, inesauribili, appoggi interni”. Il porto di Gioia Tauro è divenuto la vera porta d’ingresso della cocaina in Italia. Nel solo periodo tra giugno 2012 e luglio 2013 quasi la metà della cocaina sequestrata in Italia (circa 1600 chili su circa 3700 complessivi ) è stata intercettata a Gioia Tauro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...