Vitalizi, sequestrati 20mila euro a Sarra

Avrebbe intascato un vitalizio che non gli spettava grazie a medici compiacenti. L’ex consigliere regionale Alberto Sarra si è visto sequestrare 19mila euro nell’ambito delle indagini su una presunta truffa ai danni dello Stato. Gli uomini della Guardia di Finanza hanno bloccato beni e denaro per 19.800 euro su disposizione del Gip del tribunale di Reggio Calabria su richiesta del pubblico ministero nell’ambito di un’indagine che vede l’ex consigliere regionale (che ha ricoperto l’incarico sino a marzo del 2010), indagato per truffa aggravata e falso. L’esponente politico del centrodestra sarebbe riuscito ad ottenere, grazie ad una commissione medica compiacente ed i cui membri sarebbero a loro volta indagati, il riconoscimento di un vitalizio pari a 7.490,33 euro mensili, per inabilità da “causa di servizio”. Il consigliere avrebbe infatti dichiarato di essersi ammalato di una patologia cardiaca assolutamente indipendente, secondo l’accusa, dall’esercizio della carica di consigliere regionale. La somma sequestrata è il residuo degli oltre 160.000 euro corrisposti a Sarra a titolo di arretrati ed in parte già restituiti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...