Attentati agli amministratori, la “trincea” Calabria

Sono stati 1.265 gli atti intimidatori nei confronti di amministratori locali registrati dalle 106 prefetture italiane nel periodo gennaio 2013/aprile 2014, ricondotti solo in parte, nel 13,7 per cento dei 673 casi per i quali le prefetture hanno indicato una presumibile matrice, a strategie criminali e riferiti nel 52 per cento dei casi a comuni con meno di 15.000 abitanti. E’ quanto si legge nella relazione conclusiva della Commissione parlamentare d’inchiesta sul fenomeno delle intimidazioni nei confronti degli amministratori locali, istituita al Senato e presieduta da Doris Lo Moro. Una sola regione (la Valle d’Aosta) esente dal fenomeno, più pesante nel Sud e nelle isole (792 casi, pari al 62,6 per cento), con regioni in cui si registrano numeri da record (211 casi in Sicilia, 163 in Puglia, 155 in Calabria, 136 in Sardegna), ma presente anche in quasi tutte le regioni centrali e settentrionali (474 casi, di cui 78 nel Lazio, 56 in Toscana e 93 in Lombardia). 182 gli atti intimidatori per i quali, all’atto delle relazioni prefettizie, risultavano individuati i responsabili, ignoti per i restanti casi (1.083 pari all’85,6 per cento). Per quanto riguarda la Calabria, dal report della commissione parlamentare, che l’estate scorsa è stata anche in “missione” a Catanzaro, emerge che non tutti gli atti intimidatori sono riconducibili alla ‘ndrangheta, al punto che nella relazione si citano anche audizioni nelle quali si parla di una regione nella quale c’è una spiccata tendenza alla “giustizia fai da te”. Peraltro, secondo gli atti della Commissione, se da un lato è vero che ”il fenomeno non può essere totalmente ricondotto al mondo della criminalità organizzata, dall’altro, è innegabile il radicamento nel territorio e l’esercizio costante del controllo sulla rete delle relazioni sociali, economiche ed istituzionali da parte della ‘ndrangheta”. Le cui pressioni sulle istituzioni sono sempre pesanti e costanti: la pervasività della ‘ndrangheta è dimostrata – secondo la Commissione – dalla ”circostanza che dal 2009 la Calabria si conferma ininterrottamente la regione con il più alto numero di scioglimenti di consigli comunali per infiltrazioni mafiose. Il pervasivo e capillare controllo di alcune aree del territorio da parte della ‘ndrangheta – scrivono i senatori – risulta decisivo nella determinazione dei processi sociali ed economici e dell’influenza sulle attività della pubblica amministrazione”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...