Parroco ammette: ho chiesto al boss il voto per mio nipote

“Ho chiesto voti per mio nipote, candidato a sindaco di Ricadi, anche a Pantaleone Mancuso e alla moglie Domenica Torre perché sapevo che la figlia aveva sposato un cittadino di Ricadi”. E’ quanto ammesso stamane in aula, dinanzi al Tribunale di Vibo Valentia, da don Giuseppe Saragò, da 50 anni parroco di Limbadi, chiamato a deporre nel processo “Black Money” contro il clan Mancuso di Limbadi. Il teste ha confermato che effettivamente nel 2011, in occasione delle elezioni amministrative del Comune di Ricadi, si recò a casa del boss Pantaleone Mancuso, detto “Vetrinetta”, per “chiedere qualche voto per mio nipote, così come – ha aggiunto – mi recai pure da altri cittadini di Limbadi che sapevo avevano dei parenti residenti a Ricadi al fine di aiutare elettoralmente mio nipote”.  Il nipote del sacerdote non venne poi eletto sindaco ma solo consigliere comunale di minoranza. Gli atti dell’inchiesta e una sentenza emessa per altri imputati che hanno scelto il rito abbreviato, hanno già accertato che della famiglia Mancuso raccolse il solo voto della figlia del boss, mentre altri componenti della famiglia sostennero dei candidati diversi. Gli organi elettivi nel Comune di Ricadi scaturiti dalle elezioni del 2011 che hanno visto vincente la lista del sindaco Pino Giuliano sono stati poi sciolti per infiltrazioni mafiose nel febbraio 2014. (Agi)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...