Duplice omicidio Decollatura, ergastoli confermati

La Corte d’assise d’appello di Catanzaro ha confermato questo pomeriggio le due condanne all’ergastolo già inflitte a Domenico e Giovanni Mezzatesta, padre e figlio, di 60 e 41 anni, accusati del duplice omicidio del 29enne Francesco Iannazzo e del 36enne Giovanni Vescio, uccisi a colpi d’arma da fuoco il 19 gennaio 2013 all’interno del “Bar del Reventino” di Decollatura, nel Catanzarese. Il Collegio (presidente Palma Talerico) ha accolto in tutto le richieste avanzate lo scorso 24 febbraio al termine della requisitoria dal sostituto procuratore generale di Catanzaro, Sandro Dolce, lasciando immutata la sentenza di primo grado del 28 febbraio del 2014, con cui i due imputati furono riconosciuti colpevoli del duplice omicidio e condannati alla reclusione a vita dal giudice dell’udienza preliminare di Lamezia Terme, Carlo Fontanazza, che accolse allora la richiesta del pubblico ministero, Domenico Galletta, disponendo inoltre il risarcimento ai familiari delle vittime, costituitisi parti civili con gli avvocati Lucio Canzoniere, Renzo Andricciola, Paolo Gallo e Armando Veneto, con il sequestro conservativo di tutti i beni dei Mezzatesta. Iannazzo e Vescio, secondo quanto venne ricostruito dagli inquirenti anche grazie al filmato registrato dalle telecamere dell’impianto di videosorveglianza del locale teatro del duplice delitto, furono trucidati mentre si trovavano all’interno del bar di Decollatura, a pochi passi dalla piazza centrale del paese, raggiunti da almeno sette colpi di pistola sparati da assassini a volto scoperto che agirono davanti a testimoni. La posizione di Giovanni e Domenico Mezzatesta finì subito all’attenzione degli investigatori in quanto la loro presenza sul luogo degli omicidi era stata accertata grazie ad alcune deposizioni raccolte dai carabinieri della Compagnia di Soveria Mannelli dai testimoni oculari, ma anche dalle immagini delle telecamere che erano state sequestrate dai militari. Seguì il procedimento giudiziario che gli imputati scelsero di concludere quanto al giudizio di primo grado secondo la via del rito abbreviato, e la condanna che arrivò a febbraio dello scorso anno. Solo il 14 ottobre seguente, però, il vigile urbano in pensione Domenico Mezzatesta, latitante fino a quel giorno, decise di consegnarsi ai carabinieri accompagnato dal suo legale, l’avvocato Francesco Pagliuso, e fu condotto nel carcere di Siano-Catanzaro. (Agi)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...