Il “pasticcio” delle Comunità montane

Un pasticcio chiamato Comunità montane. Nella terra dei “carrozzoni” improduttivi e mangiasoldi un capitolo tutto speciale è quello delle Comunità montane che dovevano essere sparite da anni per confluire in ‘Calabria Verde’ e che invece sono ancora in piedi, nel caos gestionale e finanziario più assoluto. È quanto emerge da una delibera, adottata alcuni giorni fa dalla Giunta Oliverio, con cui si esercitano i poteri sostitutivi previsti per legge per la mancata liquidazione delle Comunità montane, in totale una ventina, spuntate come funghi negli anni belli delle vacche grasse pur essendo in buona parte inutili. Dopo due anni infatti si scopre che la soppressione delle Comunità montane è una vera e propria ‘barzelletta’. A prevedere la soppressione degli enti montani è una legge regionale del maggio 2013, che stabilsce la la nomina dei commissari liquidatori fino al 31 dicembre 2014. Ma questo termine scade senza che tutte le Comunità montane calabresi abbiano inviato i ‘piani di trasferimento’ a ‘Calabria Verde’ e, soprattutto, i ‘piani di liquidazione’ previsti dalla legge. La confusione regna sovrana, come si evince dalla recente delibera della Giunta Oliverio, nella quale si legge: “Il Dipartimento Agricoltura ha avviato attraverso il competente Settore Affari Generali l’istruttoria dei piani finora inviati, riscontrando però, da parte di numerose Comunità, oltre che il mancato invio di alcun piano da parte di tre Comunità montane e di pochissimi piani di liquidazione, numerose lacune ed omissioni di dati e documentazione che, pur con le debite eccezioni, non consentono di avere l’esatta percezione della reale situazione delle passività ed attività, tra le quali si può menzionare: l’assenza di uno stato patrimoniale idoneo con l’indicazione di poste attive e passività e del loro esatto ammontare, dettagliata con il valore degli immobili; l’omessa indicazione dei residui attivi e passivi; la mancata indicazione di qualsiasi modalità di estinzione delle poste passive, anche previo accordo transattivo con i creditori su un piano di rientro pluriennale; il mancato avvio delle procedure previste dalla legge per l’alienazione dei beni del patrimonio per il ripiano delle passività della liquidazione; l’assenza di atti e provvedimenti diretti alla novazione soggettiva dei mutui, alla stima del contenzioso ed alla destinazione del medesimo” etc etc. Pertanto – rileva ancora la Giunta Oliverio – “allo stato non si ha un quadro esatto ed esauriente dell’ammontare complessivo dello stato patrimoniale, delle poste debitorie e delle poste attive, in particolare dei beni immobili e del loro valore, né la documentazione necessaria, se non per poche Comunità le quali, peraltro, non hanno provveduto a redigere credibili piani di liquidazione, né ad avviare le procedure finalizzate alla vendita di beni patrimoniali per far fronte, ove necessario, al pagamento dei debitori; per cui è necessario richiedere tutta la documentazione e i dati mancanti, oltre che i piani previsti dalla legge non ancora inviati”. Quindi la Giunta Oliverio nomina, scegliendoli tra dirigenti e funzionari regionali, quattro nuovi commissari (Francesco Venneri per le Comunità montane della Calabria settentrionale, Carmine Maio per le Comunità montane della Calabria centro-settentrionale, Alessandra Celi per quelle della Calabria centro-meridionale e Giacomo Giovinazzo per quelle della Calabria meridionale). I commissari hanno la “mission” di chiudere la pratica Comunità montane una volta per tutte, in ogni caso entro luglio 2016. Sarà una “mission possible”? (a.c.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...