La rinascita di Peppe e quell’alleato inatteso…

Un mattone dopo l’altro Peppe Scopelliti ritenta la scalata ai vertici della politica regionale. Il 2014 è stato l’anno del declino per l’enfant prodige del centrodestra, il 2015 può essere quello della rinascita. In un anno molti hanno abbandonato l’ex governatore, con una buona dose di ingratitudine dopo averne sfruttato la scia, ma un pugno di fedelissimi è rimasto a fianco di Scopelliti. Quel “Comitato per la ricostruzione del centrodestra” che sabato scorso a Reggio ha visto ufficialmente la luce è il laboratorio da cui ripartire. C’era anche Scopelliti, tra i presenti: secondo i resoconti giornalistici l’ex leader del Pdl calabrese ed ex presidente della Regione non avrebbe parlato ma in realtà avrebbe fatto da regista dell’intera operazione e da ispiratore degli interventi che si sono succeduti. Insomma, Scopelliti ha lanciato il sasso nello stagno. Sulla sua pagina facebook l’ex governatore con soddisfazione ha evidenziato di aver colto «dalle presenze e dall’entusiasmo» alla convention reggina «la voglia di contribuire alla ricostruzione del centrodestra» Un centrodestra oggi molto depresso sul piano nazionale e regionale. Non sembra solo, Scopelliti. Certo non c’è più la smisurata corte di un tempo ma il flirt con ex An come Wanda Ferro, Mimmo Tallini e Fausto Orsomarso è evidente. Tallini e Orsomarso alcune settimane fa sono stati al fianco di Scopelliti nella prima e un po’ “carbonara” riunione del Comitato. Inoltre i due consiglieri regionali del Misto e la stessa Ferro in una conferenza stampa di una settimana fa hanno apertamente parlato dell’ambizione di creare un movimento-contenitore-soggetto politico che possa aggregare i delusi del centrodestra. Le “assonanze” con il progetto di Scopelliti sono oggettivamente tante da far pensare a un percorso comune che ridia slancio al centrodestra calabrese. Anche perché alla Regione i gruppi di Ncd e soprattutto Forza Italia non brillano certo per attivismo, nonostante il centrosinistra di Mario Oliverio offra moltissimi spunti per un’opposizione agguerrita. Certo, per Scopelliti la strada della risalita è dura ma non è detto che sarà anche lunga. Anche perché l’ex governatore e quanti condividono il suo progetto potrebbero ricevere indirettamente una forte spinta da un alleato inconsapevole: l’attuale maggioranza che governa la Regione. Se Oliverio, il Pd e il centrosinistra procedono nell’indecisionismo e nell’immobilismo, la “remuntada” di Peppe e dei suoi fedelissimi potrebbe pure prendere la discesa… (a. c.)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...