Il disastro dei fondi Ue, la visita della Cretu e la “profezia” di Barnier

Il nome di Michel Barnier ai più non dirà nulla. Allora lo inquadriamo con più precisione. Bene, Michel Barnier è stato il commissario per le politiche regionali dell’Unione europea a cavallo degli anni ’90-2000. Ad aprile 2001 Barnier scese in Calabria – allora governata dal centrodestra di Peppino Chiaravalloti – per vedere come la Regione aveva programmato e gestito la spesa dei fondi comunitari. Barnier rimase colpito dalla bellezza della Calabria, ma purtroppo rimase colpito solo da questa. Incontrando i giornalisti, Barnier disse: «La beauté n’est pas suffi”. Tradotto: la bellezza non basta. Un modo elegante per far capire ai nostri governanti che sull’uso dei fondi comunitari si era praticamente all’anno zero. A distanza di 14 anni e alla vigilia della visita dell’attuale commissario Ue per le politiche regionali Corina Cretu le parole di Barnier suonano come una triste profezia. La programmazione comunitaria della Regione Calabria per il ciclo 2007-2013 è stata un disastro come quella 2000-2006, ombre sinistre si addensano anche sul nuovo ciclo 2014-2020. La stessa Corina Cretu, intervistata oggi dall’Ansa prima di intraprendere la missione nel Sud Italia, ha affermato che l’avanzamento della spesa tra Calabria, Campania e Sicilia per il ciclo 2007-2013 è più o meno al 40 per cento, per questo il suo obiettivo è quello di capire in loco il perché di questi ritardi e anche come fare per evitarli in futuro. La Cretu (nella foto) tra alcune ore sarà a Reggio: farà tappa al museo dei Bronzi e poi avvierà la fase operativa incontrandoil ministro Delrio, il sottosegretario De Vincenti, i governatori meridionali tra cui Mario Oliverio e infine i giornalisti. Non sarà una gita di piacere. La Cretu ha salutato con soddisfazione il recente sblocco di 800 milioni di fondi Ue “congelati” alla Calabria e riassegnati per i passi avanti registrati negli ultimi mesi, ma ha ben chiaro il difficile quadro che si registra a queste latitudini. Tra l’altro, la visita della commissaria è stata anticipata da una dura “reprimenda” dell’Europa alla Calabria per i ritardi e le lacune della Regione Calabria anche sul Programma operativo 2014-2020. Come riporta il sito del Corriere della Calabria, l’Ue rimprovera alla Calabria il ritardo nell’invio del documento (che Oliverio ha trovato “sepolto” in un cassetto polveroso della Regione inviandolo a Bruxelles poco prima di Natale). Rimprovera poi la scarsa coerenza del Por con quanto stabilito con l’accordo di partenariato. Rimprovera alla Calabria l’assenza di una seria analisi delle condizioni socio-economiche della regione, cosa che impedisce di «realizzare la necessaria concentrazione sugli obiettivi tematici e sulle priorità di investimento funzionale a un utilizzo ottimale della dotazione finanziaria a disposizione» e che ispira una logica degli interventi «poco chiara o debole». Infine, la Commissione europea – sempre secondo quanto riporta il Corriere della Calabria – rimprovera alla Calabria molte lacune nella fase dei controlli, chiedendo chiarimenti alla Regione, e solleva parecchie perplessità pure sulla gestione del porto di Gioia Tauro “minacciando” il disegno della Zes (Zona economica speciale): «La Regione ipotizza la possibilità di definire una zona franca per il porto di Gioia Tauro. Qualsiasi regime di agevolazione – scrive l’Ue – dovrà essere coerente con le regole sugli aiuti di Stato e i relativi obblighi di notifica». In questo contesto di criticità sbarca in Calabria la Cretu, il secondo commissario Ue dopo Barnier. Se anche la Cretu dirà che la Calabria è bella ma rischia di non andare da nessun parte, vorrà dire che abbiamo “bruciato” ben 14 anni, oltre a miliardi di euro… (Ant. Cant)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...