Expo, Oliverio: da Sgarbi giudizi sommari e ingiusti

«Da Vittorio Sgarbi, che ha sempre perorato con grande insistenza la presenza dei Bronzi di Riace all’Expo di Milano, dovevamo aspettarcelo. Ciò che più ci dispiace è che un uomo di cultura come lui non si renda conto che, così facendo, rischia di buttare, insieme all’acqua sporca, anche il bambino e di screditare una regione che sta facendo grandi sforzi per trasformare in opportunità le proprie criticità». Lo ha detto il presidente della Regione Mario Oliverio replicando al critico d’arte Sgarbi, che aveva duramente criticato la partecipazione della Calabria all’Expo. Ancora Oliverio: «Lo dico senza rancore o polemica, anche perché ho avuto modo di conoscere Sgarbi nel corso della comune esperienza parlamentare e di apprezzarne le qualità e la vivacità culturale, ma anche le qualità umane. Lui è fatto così: si innamora delle sue idee e quando, come è avvenuto per i Bronzi di Riace, queste vengono contrastate, si lascia andare in valutazioni e giudizi sommari. Appena eletti – ha aggiunto Oliverio – ci siamo messi al lavoro e, in soli tre mesi e con un grande lavoro, abbiamo recuperato uno spazio che ci consente di avere una presenza significativa all’interno di Expo 2015 e abbiamo dato vita a un programma denso di iniziative, finalizzato non solo a proiettare in questa vetrina mondiale le bellezze e le risorse della nostra regione, ma anche a portare in Calabria un parte delle migliaia di persone che visiteranno la nostra “Piazzetta”. Per questo abbiamo definito un accordo con Alitalia per l’abbattimento delle tariffe aeree con pacchetti agevolati perché da Milano, ed anche da Roma e da Torino, si possano raggiungere, nel periodo Expo, Lamezia Terme e Reggio Calabria in tempi rapidi e con tariffe sostenibili. Vogliamo presentare l’immagine giusta di una terra bella, ricca di grandi risorse e paesaggi incomparabili, patrimonio di beni culturali, comunità ospitali, cittadini onesti e laboriosi e vogliamo farlo con il concorso attivo degli operatori, dei produttori, di tutta la rete che opera sul nostro territorio. Ha ragione Matteo Renzi: la Calabria – ha concluso il presidente della Regione – non è il Veneto e sconta grossi ritardi anche per l’assenza colpevole di uno Stato che, soprattutto negli ultimi anni, ha progressivamente marginalizzato la nostra regione e l’intero Mezzogiorno. E’ necessario voltare pagina rispetto a un passato che ha sfregiato l’immagine della nostra terra. Sappiamo che il cambiamento dipende innanzitutto da noi calabresi e, pertanto, non chiediamo sconti o corsie preferenziali, ma solo il rispetto che si deve a chi, quotidianamente, si impegna, lavora e opera con passione e serietà per costruire una nuova cultura e una nuova politica fondate sulla legalità e sulle regole».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...