Tallini: fallimentare il “pensiero unico” di Oliverio

“Una pessima e grottesca imitazione di Renzi e del renzismo. Oliverio sembra una di quelle anziane signore che, piene di rughe e di cellulite, si ostinano a indossare i leggins per apparire giovani, con risultati devastanti”. Lo dichiara il consigliere regionale del Gruppo Misto Mimmo Tallini: “Il presidente eletto a novembre dello scorso anno – aggiunge Tallini – ha tentato di imporsi uno stile renziano, decisionista, incurante dei consigli degli amici e insofferente verso le critiche degli avversari. Obiettivo: l’affermazione del ‘pensiero unico’ da trasferire in tutti i settori della vita pubblica calabrese. La parola ‘unico’ piace molto al governatore. Voleva fare il commissario ‘unico’ della sanità e istituire l’azienda sanitaria ‘unica’. Voleva il ruolo ‘unico’ dei dipendenti regionali e la società ‘unica’ degli aeroporti. Un disegno accentratore visionario e pericoloso che fortunatamente è andato di volta in volta a frantumarsi, sia per l’assurdità delle proposte, sia per la loro palese illegittimità. L’unica ‘unicità’ che gli è riuscita è stata l’approvazione del suo emendamento ‘unico’ sul bilancio dopo avere costretto anche la sua maggioranza a non presentare emendamenti sulla legge finanziaria. Operazione questa che dietro le quinte è stata criticata anche da molti consiglieri di maggioranza”. Tallini prosegue: “‘Unico’ e solitario, Oliverio continua a ricevere schiaffi da tutti, condannando la Calabria al totale isolamento e dileggio generale. Il governo Renzi non lo considera più un interlocutore credibile e lo ha praticamente scaricato, dopo l’inopportuna nomina di De Gaetano ad assessore. La nomina di Scura a commissario della sanità e poi quella di Minciullo all’autorità portuale di Gioia Tauro, in aperto contrasto con i desiderata di Oliverio, confermano che il Governatore conta a Roma come il due di bastoni quando la briscola va a spade. E poi che dire della collezione di brutte figure? Quella sull’allestimento dell’Expo, definito orripilante da Vittorio Sgarbi, dovrebbe fare arrossire di vergogna il presidente. Era l’unica occasione per fare parlare bene della Calabria e Oliverio è riuscito a trasformarla nell’ennesima brutta figura per la Calabria. Oliverio si ostina a non nominare la Giunta, a sei mesi dal voto, tenendo per sé decine di deleghe strategiche. L’estate è alle porte, la stagione balneare è quasi iniziata e non ci sono né l’assessore né il direttore del turismo, non ha traccia di un solo intervento di promozione e sostegno agli operatori. Non si è fatto nulla per la depurazione e per il sistema dei rifiuti. IL mondo della cultura attende da mesi un interlocutore, mentre teatri, siti archeologici, rassegne storiche vanno in malora. Tutta la macchina burocratica è paralizzata perché giustamente i reggenti interni non se la sentono di assumersi responsabilità. Oliverio – conclude Tallini – sognava una Calabria piegata al suo ‘pensiero unico’ e invece si è rivelato un comandante inadeguato che sta lanciando la nostra terra verso la scogliera del fallimento”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...