Nuovi fondi contro il dissesto idrogeologico

Claudio De Vincenti, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, e Fabrizio Curcio, Capo dipartimento della Protezione Civile, hanno tenuto due distinte riunioni, questa mattina, nella prefettura di Cosenza, sulle conseguenze dell’alluvione del 12 agosto scorso, che ha investito alcuni centri del Cosentino. Nel corso della prima hanno incontrato il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, e il prefetto, Gianfranco Tomao. Presenti i massimi vertici delle forze dell’ordine, i deputati Stefania Covello e Ernesto Magorno e il consigliere regionale Mimmo Bevacqua. Una seconda riunione ha visto coinvolti sindaci e assessori dei comuni interessati, ovvero Corigliano Calabro, Rossano, Cassano Ionio e Crosia. «E’ molto importante la collaborazione istituzionale tra governo, Regione e comuni – ha detto De Vincenti – per recuperare e risanare la situazione e per prevenire fenomeni di questo genere. La lotta al rischio idrogeologico è fondamentale e abbiamo a questo riguardo destinato importanti fondi sulla programmazione europea, con la Regione, e intendiamo attivarli immediatamente. C’è un discorso più generale sulla Calabria, che ha potenzialità di sviluppo che vanno valorizzate – ha detto de Vincenti – è una regione che va sostenuta e contemporaneamente deve rimboccarsi le maniche, è una condivisione di responsabilità tra governo, Regione ed enti locali per dare un futuro nuovo alla Calabria. I sindaci – ha proseguito il sottosegretario – hanno rappresentato la situazione in cui si trovano i comuni dopo l’alluvione e abbiamo stabilito gli interventi. Abbiamo verificato l’esistenza di fondi europei che possono sostenere gli interventi che andranno fatti. In totale parliamo di quasi 400 milioni dei fondi 2014/2020 su rischio idrogeologico, ambiente e tutela dell’ambiente, per quanto riguarda il residuo 2007/2013 stiamo finalizzando l’azione con il presidente della Regione Mario Oliverio». «Il consiglio dei ministri ha stanziato una prima somma, destinata solo alle prime urgenze, e non si va a coprire la parte complessiva del danno e della risistemazione generale – ha sottolineato a sua volta il capo dipartimento Protezione civile Fabrizio Curcio – E’ uno stanziamento in linea con quelli dati per altre emergenza a livello nazionale e quindi è solo un primo stanziamento. Sapete che noi non possiamo occuparci della prevenzione strutturale – ha detto ancora Curcio – di cui si occupano altri settori».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...