Rai, la Cgil: no all'”editto bulgaro” di Magorno e Covello

«L’interpellanza parlamentare annunciata dagli onorevoli Magorno e Covello insieme ad altri due onorevoli alla Rai, con l’obiettivo di ridurre gli spazi alla Cgil e alla voce critica di essa perché non conforme al pensiero imperante e alla propaganda del Governo, è quanto mai sorprendente e preoccupante. Un vero editto bulgaro si annuncia e questa volta contro la Cgil». Lo sostiene la Cgil Calabria secondo cui «sembra prefigurarsi il ritorno di periodi bui del pentapartito di discriminazione verso voci libere e critiche, periodo del quale gli onorevoli Magorno e Covello hanno conoscenza e frequentazione. Se si è convinti di quello che si fa e si dice perché spaventarsi dalle osservazioni critiche della Cgil? La verità è sempre rivoluzionaria e prima o poi (più prima che poi) si imporrà: speriamo che quando sarà gli onorevoli Magorno e Covello non abbiano cambiato idea o collocazione! La Cgil a tutti i livelli – conclude il sindacato – continuerà la sua battaglia contro il Jobs Act per un nuovo Statuto dei lavoratori e delle lavoratrici, per l’autonomia della Rai, per la libertà di espressione e di rispetto del pluralismo!».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...