Donazione organi, la Consulta boccia la legge della Regione

E’ incostituzionale la legge della Regione Calabria sulla donazione di organi. Lo ha stabilito la Corte costituzionale, che ha ritenuto fondata la questione sollevata dalla Presidenza del Consiglio dei ministri nei confronti della legge regionale 27 dell’ottobre 2014, una delle ultime leggi approvate nella scorsa legislatura. In particolare, secondo la Consulta la norma impugnata, con la quale veniva riconosciuta ai cittadini maggiorenni la possibilità di esprimere la propria volontà sulla donazione di organi all’anagrafe del proprio Comune di appartenenza, al momento del rilascio o del rinnovo della carta d’identità, viola l’articolo 117 della Costituzione. Infatti – scrivono i giudici costituzionali – «prevedendo la competenza dell’ufficiale dell’anagrafe a ricevere e trasmettere le dichiarazioni di volontà in tema di donazione di organi e tessuti post mortem» la legge regionale della Calabria «riproduce nella sostanza una disciplina già prevista a livello statale, invadendo la competenza legislativa esclusiva dello Stato in materia di “anagrafi” e di “ordinamento e organizzazione amministrativa dello Stato e degli enti pubblici nazionali”».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...