“Oragate”, nuovo rinvio: processo fermo da un anno

Un ennesimo stop. E’ stata rinviata al prossimo 5 gennaio la prima udienza del processo a carico di Umberto De Rose, accusato di tentata violenza privata nell’ambito dell’inchiesta sulla mancata uscita del quotidiano “L’Ora della Calabria” per evitare la pubblicazione della notizia dell’indagine a carico di Andrea Gentile, figlio del senatore Antonio. Questa mattina, il giudice Manuela Gallo del tribunale di Cosenza, ha nuovamente rinviato l’udienza per un difetto di notifica proprio a De Rose. Come era già accaduto lo scorso aprile. E’ da un anno che il processo non riesce a partire. Se ne dovrebbe riparlare quindi dopo le vacanze di Natale quando è previsto di sentire già i primi testimoni, tra i quali l’ex direttore della testata Luciano Regolo e l’ex editore Alfredo Citrigno, parti offese. Dopo la chiusura indagini del giugno 2014, la Procura di Cosenza ha deciso di ricorrere alla citazione diretta a giudizio per l’ex presidente di Fincalabra. Secondo gli inquirenti, sarebbe lui l’unico protagonista dello scandalo “Oragate”. Nel registro degli indagati era finito anche il nome di Andrea Gentile, ma la sua posizione è stata poi stralciata e archiviata. Secondo la ricostruzione del pm Domenico Assumma, titolare del fascicolo, la sera del 18 febbraio del 2014 De Rose (nella foto), proprietario della tipografia che stampava il quotidiano “L’Ora della Calabria”, chiamò l’editore Alfredo Citrigno per chiedergli di non pubblicare la notizia sull’inchiesta nei confronti del figlio del senatore Gentile. Lo stampatore, in una telefonata registrata dal direttore Luciano Regolo, fece esplicito riferimento a possibili ritorsioni da parte della famiglia Gentile («il cinghiale quando è ferito ammazza tutti»). Una volta capito che la notizia sarebbe stata pubblicata avrebbe ricorso al “guasto” della rotativa per impedire l’uscita del quotidiano. Il tutto, sostiene la Procura cosentina, in assoluta autonomia. Durante le indagini e’ stata effettuata una perizia sulla rotativa che quella notte sarebbe andata in tilt. Secondo i consulenti chiamati dalla Procura non vi fu alcuna rottura. La rotativa – sostiene l’accusa – era assolutamente in grado di stampare il quotidiano. Ora la parola spetta ai giudici. (Il Velino/Agv News)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...