Fondi europei, la Cretu fa il “tifo” per la Calabria

«La Calabria disporrà per gli anni a venire di un investimento molto significativo che dovrà soprattutto servire a sostenere i settori produttivi e l’impresa investendo sul rapporto tra saperi e crescita economica e sociale. Il programma contribuirà a rendere il territorio più attrattivo e vivibile e offrirà opportunità di nuovo lavoro soprattutto per i giovani». Lo ha affermato il commissario europeo per la Politica regionale Corina Cretu (nella foto con il governatore Oliverio) commentando l’approvazione del Por Calabria 2014-2020 da parte dell’Ue. A sua volta Marianne Thyssen, commissaria per l’Occupazione e gli Affari sociali, ha evidenziato: «L’intervento del Fondo Sociale in Calabria si concentrerà sulla lotta alla disoccupazione, in particolar modo per i giovani e per i disoccupati di lungo termine, sull’innalzamento dei livelli di competenze e sosterrà il miglioramento dell’efficienza della pubblica amministrazione. Il 20 per cento delle risorse inoltre sarà dedicato alla lotta alla povertà e all’inclusione sociale delle persone maggiormente vulnerabili». Una buona parte dei fondi è destinata al sistema economico: 210 milioni per la ricerca e l’innovazione, 186 milioni per la competitività del sistema produttivo, 168 milioni per banda larga e agenda digitale. Infrastrutture e investimenti per la sostenibilità ambientale ed energetica rappresentano un secondo perno del programma: 486 milioni sono destinati a interventi sul risparmio energetico, 324 alla tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e ambientale, 223 allo sviluppo di reti di mobilità sostenibile e 93 alla prevenzione dei rischi idrogeologici. Un terzo pilastro è costituito dall’ambito del sociale e della formazione: 231 milioni saranno investiti per creare nuove opportunità lavorative e di formazione per i giovani, 215 per promuovere l’inclusione sociale e contrastare la povertà, 16 per rinforzare la capacità amministrativa. I risultati attesi sono: Supporto a oltre 2000 imprese; Nuove opportunità di lavoro per 10.000 persone e 9.500 giovani; Promozione di 470 collaborazioni tra imprese e istituti di ricerca; 350.000 abitazioni collegate alla banda larga (100Mbps); 160.000 tonnellate di rifiuti riciclati; 40.000 persone beneficeranno di misure legate alla prevenzione idrogeologica; Riduzione delle emissioni di Co2 per 60.615 tonnellate; Miglior accesso ai servizi idrici per 200 000 persone; 11.000 persone provenienti da situazioni disagiate avranno accesso all’istruzione universitaria; 500 dipendenti pubblici potranno usufruire di corsi di specializzazione.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...