Roma, al via la mostra sul giovane Mattia Preti – FOTO

Circa venti dipinti, provenienti da importanti collezioni pubbliche e private, raccontano a Roma, nella splendida quadreria di Palazzo Corsini, il periodo giovanile di Mattia Preti, detto anche il “Cavaliere Calabrese”. Da oggi al 18 gennaio, le opere consentiranno di ricostruire un periodo ancora oscuro della lunga e acclamata carriera del pittore che mosse i primi passi nella Roma caravaggesca. La mostra “Mattia Preti: un giovane nella Roma dopo Caravaggio” è organizzata dai segretariati regionali del Mibact della Calabria e del Lazio, con il finanziamento della Regione Calabria, e vuole riproporre in un serrato confronto con i capolavori conservati nella Galleria Nazionale d’Arte Antica (primo fra tutti il “San Giovanni Battista” di Caravaggio) i risultati degli ultimi anni di studi, stimolati anche dalle celebrazioni del terzo centenario della morte, costellate da mostre e pubblicazioni. Come le precedenti iniziative, anche quella di Palazzo Corsini è stata ispirata da Vittorio Sgarbi, mentre la curatela è stata affidata a Giorgio Leone, che con questa occasione ha iniziato a rivedere la cronologia di molte tele di Preti. «La prima opera sicuramente attribuibile al Cavaliere Calabrese, tra quelle realizzate a Roma, è datata 1649, ma la sua venuta nella città eterna è di molti anni prima, secondo alcuni fonti attestabile addirittura al 1624, quando aveva solo 11 anni, ma più probabilmente nel 1630-’31, in compagnia del Fratello Gregorio», dice Leone, sottolineando come il pittore seicentesco fosse stato un genio molto precoce, «un ragazzo prodigio», e capace di dipingere in giovinezza esattamente nello stesso modo che nella maturità. «Mattia Preti è un pittore critico – aggiunge – guarda e ricorda e ci mette in grave imbarazzo», perché, durante tutta la sua lunga attività creativa, le suggestioni poussiniane si alternano a quelle di caravaggesche o classiciste. La Roma dei primi decenni del ‘600 – spiega Sgarbi – «era quella segnata dall’opera di Michelangelo Merisi, i maggiori artisti europei vi si recavano proprio per scoprire i suoi capolavori. Quando arriva Mattia, però, la leggenda di Caravaggio era già un po’ “sfilacciata” e il giovane artista di Taverna vi si avvicina attraverso l’opera di Vouet e dei caravaggeschi nordici. L’incontro con Caravaggio è però decisivo ne diventa idealmente l’alterego, anche se, rispetto al Merisi, la sua è una ”pittura di teatro, spettacolare, celebrativa», assimilabile alle grandi composizioni sceniche di Veronese. «Tra le opere esposte nella Galleria di Palazzo Corsini – conclude la direttrice del Segretariato regionale del Mibac Daniela Porro – sono presenti alcuni interessanti inediti e veri capolavori della produzione giovanile dell’artista, divisa tra committenze private e prime affermazioni pubbliche»: dal “Soldato” del Museo Civico di Rende al “Sinite Parvulos” e il “Tributo della moneta” di Brera, per la prima volta messi a confronto con il “Tributo” della Galleria Corsini, dalla “Negazione di Pietro” di Carcassonne alla “Fuga da Troia” di Palazzo Barberini fino al “Miracolo di San Pantaleo”, probabilmente la prima committenza pubblica romana.

3f21b83809f0e923e414011d4bd5c753
04f664bff64afc2bd28e03ed8a8d1b13
137ca4bef2645c193b908b461f9c1c05
860f0cb89fd1b3c377672a19d083c29c
3287934d02450d8f60a2a31e01b78884

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...