Il calabrese Macri conquista l’Argentina

Un calabrese alla guida dell’Argentina. Mauricio Macri, il leader della coalizione di centrodestra “Cambiemos”, ha battuto con un distacco consistente (53,48% contro 46,52) alle presidenziali in Argentina il peronista Daniel Scioli. Pochi istanti dopo la chiusura delle urne (alle 18, le 22 in Italia) e la diffusione di indiscrezioni sugli exit poll che davano un forte distacco tra i due candidati, nel bunker di “Cambiemos” a Buenos Aires è scattata la “fiesta”: i simpatizzanti del “macrismo” hanno saltato e ballato, mentre urlavano “Mauricio presidente”. Subito dopo è intervenuto Marcos Peña, uomo chiave dello “staff” di Macri: «Siamo molto, molto, felici per quanto è successo oggi in Argentina». Mauricio Macri è un ingegnere 55enne originario di Siderno, figlio di uno degli uomini più importanti dell’Argentina, Franco Macri, imprenditore del settore automobilistico e degli appalti. In passato è stato sindaco di Buenos Aires. Molto conosciuto anche per la sua passione clacistica: Macri nel dicembre 1995 è diventato presidente del Boca Juniors, la principale squadra calcistica argentina dove attualmente milita l’ex juventino Tevez e dove ha giocato il grande Diego Armando Maradona, con cui Macri ha avuto rapporti di odio-amore.

Annunci

Un pensiero su “Il calabrese Macri conquista l’Argentina

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...