Caso Moro, spuntano nuovi rapporti tra Br e ‘ndrangheta

I nuovi elementi sul caso Aldo Moro potrebbero portare a rivelazioni dirompenti sui rapporti operativi tra le Br e la ‘ndrangheta. Lo segnala la relazione che fa il punto sul lavoro finora svolto dalla Commissione bicamerale che indaga sul rapimento dello statista democristiano. Diversi indizi sono stati raccolti sia in merito alla notizia, circolata in ambienti ‘ndranghetisti, dell’esistenza di un’arma “sporca” impiegata a via Fani, sia in ordine all’ipotizzato interessamento (dapprima sollecitato, poi scoraggiato) della criminalità organizzata per favorire il rinvenimento del luogo di prigionia di Aldo Moro. Gli accertamenti in corso e i relativi esiti parziali sono tutt’ora coperti da segreto. In questa fase, si può riferire soltanto che – in relazione all’ipotesi che appartenenti a organizzazioni criminali siano stati ritratti in talune delle fotografie scattate il 16 marzo 1978 tra la folla presente in via Fani – la Commissione ha disposto l’acquisizione di tutto il materiale fotografico ripreso in quell’occasione dalle principali testate giornalistiche ed agenzie di stampa. C’è poi il capitolo relativo al boss della Nuova Camorra organizzata Raffaele Cutolo che – ascoltato in carcere da alcuni collaboratori della Commissione – «ha riferito di aver appreso durante la sua detenzione da un boss della ndrangheta di contatti intercorsi, con riferimento al sequestro Moro, tra le Brigate Rosse e ambienti ndranghetisti in relazione al reperimento di armi». La Commissione ha accertato che «nel carcere in cui all’epoca si trovava Cutolo vi era un solo detenuto appartenente alla malavita organizzata calabrese, il cui nome era compatibile con quello riferito dalla stesso Cutolo». Non è certo una novità il dibattito su presunti rapporti tra ‘ndrangheta e Br: nel 1993 s’è svolto il processo Moro quater che ha avuto come oggetto proprio la presenza o meno dello ‘ndranghetista Antonio Nirta tra  rapitori di Moro. Il suo nome fu fatto dal pentito Saverio Morabito al pm Alberto Nobili. «Fino a ora abbiamo trovato tante bugie. Molte le novità, riscriveremo in parte i 55 giorni del sequestro», sottolinea il presidente della Commissione Moro, Beppe Fioroni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...