La Lorenzin nomina Gentile jr, divampa la polemica

Diventa un caso politico la nomina da parte del ministro Ncd Beatrice Lorenzin di Andrea Gentile, figlio del sottosegretario Tonino, sempre Ndc, nel Cda dell’Istituto nazionale per tumori di Milano. Nella vicenda, riportata dal Corriere della Calabria, in molti vedono una sorta di “ricompensa” dell’Ncd di Alfano alla fedeltà dei Gentile rispetto al governo nazionale, e anche un modo per avvicinarli al candidato sindaco di Cosenza Lucio Presta, “sponsorizzato “ anche da Matteo Renzi. Ma la nomina di Andrea Gentile (tra i protagonisti dell’esplodere dell’”Oragate”) sta sollevando un autentico polverone di polemiche. Insorge il Pd Lombardo (mentre tace, ovviamente, quello calabrese…). Il segretario regionale del Pd Alessandro Alfieri osserva: «Milano e la Lombardia vantano professionalità ed eccellenze in campo oncologico che ci invidiano a livello internazionale. Ma Ncd e la Lorenzin – rimarca Alfieri – hanno pensato bene di scegliere altrove e  di andare a pescare il discusso figlio del sottosegretario Gentile per il cda dell’Istituto Tumori di Milano. Il curriculum di Gentile parla da sé: dove sono le competenze richieste per ricoprire questo ruolo? Questa scelta é un grave errore che la Lombardia non si può accollare». All’attacco anche i 5 Stelle, con i parlamentari Dalila Nesci, Nicola Morra, Paolo Parentela, Federica Dieni e i membri della commissione Affari Sociali alla Camera e della commissione Sanità al Senato. «Il governo Renzi in materia di lottizzazione non si fa mancare davvero nulla. Stavolta – evidenziano i 5 Stelle – protagonista dell’ennesima nomina in odor di clientelismo è il ministro della Salute Lorenzin, nei cui confronti presenteremo un’interrogazione per chiederle i criteri e le ragioni di merito che l’hanno portata a scegliere proprio Andrea Gentile, figlio del sottosegretario e collega di partito Tonino Gentile, come rappresentante del suo dicastero nel Consiglio d’amministrazione dell’Istituto Nazionale Tumori. Una nomina che sarebbe risultata sospetta già di per sé e che lo diventa ancor di più alla luce del fatto che Andrea Gentile non vanta esperienze in campo sanitario, ad esclusione di incarichi di consulenza da parte della Asp di Cosenza. Guarda caso poi, la sede dell’ Istituto Nazionale Tumori si trova a Milano, una delle roccaforti di Ncd. Il capoluogo lombardo è, tra l’altro, la città dalla quale Roberto Formigoni,  ex governatore della Regione e  collega di Gentile e Lorenzin in Area Popolare, ha gestito la sanità regionale per quasi un ventennio. Ovviamente – concludono i pentastellati – non si registrano ancora reazioni da parte della Lega che, proprio in queste settimane, deve affrontare e chiarire i contorni dello scandalo tangenti che ha travolto, tra gli altri, l’assessore alla Sanità, Fabio Rizzi». Infine, si sfoga addirittura il regista Ferzan Ozpetek, che twitta un eloquente #senzavergogna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...