Anche le trivelle dividono il Pd…

Il referendum anti-trivelle del prossimo 17 aprile divide il Partito democratico a Roma e anche in Calabria. La posizione dell’astensione espressa dal leader del Pd (e premier) Matteo Renzicozza infatti con il pronunciamento di molti Consigli regionali a guida democrat come quello della Calabria, tra i promotori del referendum. Referendum sponsorizzato già da tempo da vari governatori dem come Mario Oliverio, che nei giorni scorsi, dai microfoni di Teleuropa Network, ha rotto il silenzio sul punto annunciando che avrebbe votato sì alla consultazione di metà aprile, in linea tra l’altro con l’orientamento dell’ala sinistra del Pd nazionale. Per il sì al referendum inoltre nei giorni scorsi si sono espressi pubblicamente altri big del Pd calabrese come il capogruppo alla Regione Sebi Romeo e il presidente della commissione regionale anti-‘ndrangheta Arturo Bova, che è tra l’altro il delegato referendario per palazzo Campanella. Ma anche in Calabria il Pd si è “sgranato”. Com’era prevedibile, sulla linea renziana si è schierato il segretario regionale Ernesto Magorno, che in un tweet ha scritto: «Non posso non sostenere le parole di Matteo Renzi. Non fatevi prendere in giro!». Lo stesso Magorno ha poi anche postato sui social un video – definito istituzionale – del Pd nel quale si inanellano interviste dal tenore contrario al referendum anti-trivelle. Ora, il Pd a Roma come in Calabria si è diviso e continua a dividersi su questioni forse anche molto più sentite e molto più importanti del referendum anti-trivelle, ma anche quest’ultimo fronte conferma che il Pd si divide sempre. E su tutto. Parlarsi e chiarirsi prima no, eh? (ant. cant.)

Un pensiero su “Anche le trivelle dividono il Pd…

  1. Ruralpino

    Che vergogna, hanno proprio una bella faccia tosta. Sono in accordo che è un referendum farsa, ma schierarsi apertamente invitando il popolo all’astensione è da delinquenti. Si spenderanno quasi 400 milioni per fare un referendum che non raggiungerà il quorum, ma italiani quando ci sveglieremo? Perchè questi piddioti che invitano all’astensione non si sono stracciate le vesti nel momento in cui veniva resa pubblica la proposta dell’election day di accorpare amministrative e referendum? Vergogna, vergognaaaaaaaaaaaaaa

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...