Porto di Gioia Tauro, l’allarme dei sindacati: è tutto fermo…

«Nonostante gli impegni profusi e le richieste delle scriventi per ricercare prospettive al fine di risollevare le difficoltà non solo economiche delle maestranze impegnate nell’area portuale, ad oggi si registra uno stato di emergenza e uno stallo in ambito lavorativo allarmante». È quanto scrivono Cgil, Cisl, Uil e Sul. «Le misure adottate anche dalla Regione Calabria nei confronti dello scalo gioiese non hanno sortito effetti positivi e nell’ultimo biennio si è registrato da parte di Medcenter Container Terminal un aumento progressivo dell’esposizione di cassa integrazione per gli operatori diretti (la media mensile Cigs è pari a circa 450 unità). A tutto ciò – aggiungono Cgil, Cisl, Uil e Su – bisogna sommare l’enorme difficoltà conseguente delle imprese portuali e delle agenzie marittime, già fortemente ridimensionate, che stanno adottando anch’esse ammortizzatori sociali in varia misura. Queste soluzioni che avrebbero dovuto essere un intervento per il superamento della crisi sono, ormai, giunte alla scadenza ed ulteriori tentennamenti sulle azioni mirate al recupero della piena occupazione, potrebbero, di fatto, rivelarsi fatali esponendo i lavoratori a misure oltremodo drammatiche. Si registra una forte tensione tra i lavoratori oltre che una sensazione di abbandono da parte delle istituzioni. Vogliamo ricordare che in sede di riunione presso la Presidenza della Regione Calabria erano stati assunti degli impegni dall’assessore al Porto, la cui informativa avrebbe dovuto essere divulgata nell’arco di 15/20 giorni. Ad oggi, fermo restando che la riunione si è tenuta il 26 gennaio, non è pervenuta alcuna iniziativa/informativa rispetto le possibili soluzioni a vantaggio dell’occupazione. Dal canto nostro rimaniamo in attesa di conoscere quali siano i progetti rivolti al rilancio del porto di Gioia Tauro, ma soprattutto la messa in atto di quelli già annunciati anche in occasione della grande manifestazione in piazza a Gioia Tauro». Secondo i sindacati «è di solare evidenza che la responsabilità di eventuali riflessi occupazionali in ambito portuale non possono prescindere dagli impegni che le istituzioni, in primis la Regione Calabria, l’Autorità Portuale ed il Governo Nazionale, vorranno in tempi brevi mettere in atto al fine di non lasciare morire una realtà importante come quella dell’hub gioiese. Anche la Regione deve pretendere risposte dal Governo e dal Mit, che si erano impegnati nel lontano 5 dicembre scorso, ad attivarsi immediatamente con misure urgenti. Parte di tali misure sono state inserite nella legge di stabilità (tasse di ancoraggio e accise sul gasolio). Non osiamo pensare che quelli impegni siano serviti solo a sedare gli animi dei lavoratori esasperati che hanno protestato giustamente contro lo scarica barile delle istituzioni. La Regione deve pretendere risposte e certezze da parte di Mct che a fronte delle suddette misure ritenute fondamentali dalla dirigenza di Contship per ridurre l’impatto della crisi sullo scalo, nulla ha fatto per diminuire il numero degli esuberi e il peso della cassa integrazione sui lavoratori. Crediamo che la Regione Calabria debba attivarsi immediatamente per conoscere i programmi dei terminalisti e, conseguentemente, adottare tutte le necessarie azioni per saturare gli immensi spazi non utilizzati per creare così non solo le opportunità di piena occupazione ma anche la possibilità di crearne nuova. Non è più tollerabile che le immense aree presenti nel porto di Gioia Tauro non vengano adeguatamente valorizzate. Si ritiene che l’intera area debba finalmente essere adeguatamente promossa, così come previsto dalla legge 84/94, al fine di poter generare interesse in ambito nazionale ed internazionale da parte di nuovi investitori. È indispensabile attivare tutte le misure necessarie per evitare tensioni sociali che potrebbero sfociare in azioni disperate, visto il lungo lasso di tempo che ha sottoposto i lavoratori e le loro famiglie a forti sacrifici economici oltre alla concreta possibilità di ulteriori peggioramenti della situazione attuale. Per quanto sopra – concludono Cgil, Cisl, Uil e Sul – chiediamo un urgente incontro di merito per aggiornare il Governatore in relazione al deludente scenario commerciale illustrato dal direttore commerciale dei Terminal Contship, che pur dichiarando interesse per lo scalo calabrese ha evidenziato uno scarso, se non quasi nullo, incremento di volumi per l’anno corrente e la mancata previsione di investimenti per Gioia Tauro da parte del Gruppo. Trasferiamo la nostra forte preoccupazione, consapevoli della drammaticità della situazione, ribadendo la necessità di interventi immediati per la tutela dei lavoratori calabresi».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...