Oliverio: voterò sì al referendum anti-trivelle

«Domenica prossima mi recherò alla urne e voterò sì, in coerenza con le posizioni espresse in Consiglio regionale e nel rispetto del voto unanime del Consiglio che ha deciso di promuovere il referendum anche su nostra proposta». Lo ha detto il presidente della Regione Mario Oliverio parlando a Sellia nel corso di una manifestazione pubblica. «Sono convinto – ha aggiunto Oliverio, esprimendo dunque una posizione diversa da quella del premier e leader del suo partito, il Pd, Matteo Renzi – che il Consiglio regionale ha interpretato pienamente l’opinione dei calabresi che, domenica prossima, con la partecipazione al voto confermeranno questa convinzione». Anche l’assessore regionale all’Ambiente Antonella Rizzo è intervenuta sulla scadenza referendaria. «Il prossimo 17 aprile il popolo italiano è chiamato a pronunciarsi sulla questione delle trivelle in mare. Si tratta di un referendum abrogativo la cui indizione ,avvenuta attraverso la decisione di nove consigli regionali segna un passo importante nella storia del regionalismo italiano. Una occasione decisiva – ha proseguito la Rizzo – che, oltre a riguardare il merito dei quesiti, è legata intrinsecamente all’istituto stesso del referendum e, con esso, all’esercizio della democrazia diretta. Sono fermamente convinta che in un momento così cruciale per la vita democratica del nostro Paese, supportare e garantire la possibilità di espressione dal basso sia un dovere civico, che ci riguarda tutti da vicino. disertare questo appuntamento significherebbe anche contribuire all’indebolimento dell’istituto stesso del referendum, concepito dai nostri padri costituenti proprio per dare la possibilità ai cittadini di esprimersi su temi fondamentali della vita del nostro Paese. Gli italiani devono poter esercitare questo diritto. Ritengo doveroso dunque andare a votare il prossimo 17 aprile per dare valore e significato al grande lavoro che si è perfezionato con la richiesta di referendum abrogativo da parte dei Consigli regionali. Una operazione dunque che è partita dal basso e che è stata intercettata dalle Regioni le quali , a loro volta hanno dato senso all’istanza forte proveniente dalle popolazioni interessate dalla problematica delle trivellazioni. Nel suo iter di approvazione il referendum ha superato, sia pur in parte, gli scogli della Cassazione e della Corte Costituzionale ed il 17 aprile il suo svolgimento deve essere assicurato in maniera democratica. Come assessore all’Ambiente – ha concluso la Rizzo – sento il dovere e la responsabilità di fare un appello a tutti gli elettori calabresi affinché domenica prossima proprio da questa nostra Regione, troppo spesso balzata agli onori delle cronache per l’alto tasso di illegalità, dimostrando senso civico vadano a votare, manifestando liberamente la propria volontà».

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...