Alfano nel Vibonese: stiamo vincendo la lotta alle mafie

«L’inaugurazione del centro giovanile a Dinami è la prova che questo Governo e io come ministro del Sud non dimentichiamo che il Sud non è fatto solo di grandi città, ma anche di piccoli comuni che hanno bisogno della presenza dello Stato. Siamo in un Comune dove un bravo sindaco ha promosso un’opera di straordinario rilievo perché segna la presenza dello Stato e il rafforzamento di un presidio dello Stato». Lo ha detto il ministro dell’Interno Angelino Alfano, intervenuto a Dinami, nel Vibonese, per l’inaugurazione di un centro di aggregazione sociale finanziato con il Pon Sicurezza. «Con questo progetto – ha continuato il ministro – sosteniamo concretamente la legalità e la sicurezza che sono pilastri essenziali per tutto il Sud. Quando io sento parlare di Sud, la cosa principale sono la sicurezza e la legalità perché senza di esse nessun incentivo all’industrializzazione e nessuna detassazione potranno mai compensare una bomba in un cantiere o la paura per il rischio di un’estorsione. Oggi siamo qui – ha rimarcato Alfano – per dire che il Sud è in testa alle nostre priorità e il Sud è un pezzo essenziale nell’agenda del Governo. Ma senza sicurezza e legalità non ci potrà mai essere alcun sviluppo per il Sud». Alfano ha poi rimarcato come «non passa giorno senza che vengano arrestati latitanti o si proceda a confische e sequestri. Stiamo vincendo la lotta alle mafie, non l’abbiamo ancora vinta ma lo Stato si sta imponendo e vincendo. Con la legge di stabilità abbiamo dato un segnale forte nell’ottica della sicurezza e della legalità dove abbiamo stanziato un miliardo, mentre 50 milioni andranno per l’equipaggiamento delle forze dell’ordine ed anche le 80 euro rappresentano un incentivo. Mai era stato previsto uno stanziamento così importante sulla difesa, specie se raffrontato ai tagli dei Governi precedenti. In ogni caso – ha aggiunto il ministro – prendo l’impegno di ritornare appositamente a Vibo Valentia alla Scuola di Polizia per dare un segno della presenza dello Stato e specificamente per stare vicino alle forze dell’ordine che operano su un territorio che non può essere abbandonato. Tornerò quindi a Vibo – ha promesso Alfano – per fare il punto sul mantenimento della Scuola di Polizia che già in passato abbiamo difeso».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...