Delitto Fortugno, De Raho: stiamo ancora indagando

Per l’omicidio del vice presidente del Consiglio regionale della Calabria Francesco Fortugno, ucciso a Locri nel 2005, «gli esecutori materiali sono stati condannati all’ergastolo. Sui mandanti invece ci sono ancora indagini che stiamo svolgendo». A dirlo è stato il procuratore di Reggio Calabria Federico Cafiero de Raho, intervenendo a Locri ad un incontro con gli studenti su sport e legalità a cui hanno partecipato anche il vice presidente del Csm Giovanni Legnini e il presidente del Coni Giovanni Malagò. Cafiero de Raho ha ricordato l’imprenditore di Locri Vincenzo Grasso, ucciso nel marzo del 1989 dalla ‘ndrangheta, e il delitto Fortugno, «un omicidio gravissimo – ha detto il procuratore di Reggio – compiuto addirittura in un seggio elettorale. La ‘ndrangheta vuole limitare a ogni costo la nostra libertà». (Ansa)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...