Nomine regionali, Irto blocca gli “appetiti”: sorteggio con un notaio e diretta streaming

Nomine regionali per sorteggio, in diretta streaming, effettuate da un notaio con la partecipazione di un rappresentante della Federazione nazionale della stampa. È quanto ha stabilito, per gli organismi di vigilanza e controllo, il presidente del consiglio regionale della Calabria Nicola Irto, che ha ufficialmente comunicato questa decisione con una lettera indirizzata ai capigruppo a Palazzo Campanella. «Sono trascorsi ormai molti mesi senza che il consiglio regionale, nel suo complesso, sia riuscito a definire le nomine di propria competenza – esordisce Irto nella missiva ai presidenti dei gruppi – Sono convinto che questa assemblea legislativa abbia oggi davanti a sé l’occasione di trasformare le criticità emerse su questo punto in una nuova opportunità. Abbiamo la chance di fornire ai cittadini una prova di legalità e trasparenza per rinsaldare il rapporto tra gli elettori e noi consiglieri regionali, che abbiamo ricevuto un mandato democratico a rappresentare la comunità calabrese nell’aula di Palazzo Campanella». Discende da qui la decisione, «inedita nella storia del regionalismo calabrese», di conferire gli incarichi nel «modo più imparziale e limpido»: ovvero con «una procedura pubblica di sorteggio, esattamente come la legge nazionale già prevede per gli organi di controllo degli enti locali. Su mia richiesta – aggiunge Irto –, gli uffici del consiglio regionale hanno formalmente distinto, nell’elenco delle nomine ex legge regionale 39 del 1995, quelle relative a funzioni di garanzia, vigilanza e controllo. Procederemo immediatamente con queste». Ciò, argomenta il presidente, sarà possibile perché le nomine in questione «non hanno natura fiduciaria ma devono essere effettuate secondo criteri di oggettività, nel rispetto del principio costituzionale del buon andamento e dell’imparzialità dell’amministrazione». Alla selezione per estrazione parteciperanno quanti hanno documentato il possesso dei requisiti richiesti per la presentazione delle domande: la relativa istruttoria era già stata espletata dagli uffici del settore Segreteria assemblea poco dopo l’inizio della legislatura. Il rappresentante di Palazzo Campanella ha inoltre comunicato ai capigruppo di voler «garantire la massima trasparenza e pubblicità alla procedura delle nomine. Per questo, il sorteggio sarà affidato a un notaio designato dal consiglio notarile dei distretti riuniti di Reggio Calabria-Locri, nel cui territorio ricade per Statuto la sede del consiglio regionale, con la partecipazione di un rappresentante della Federazione nazionale della stampa. L’intera procedura sarà videoripresa e diffusa in diretta streaming, per consentire a tutti i cittadini di poterla seguire, secondo un calendario che sarà comunicato appena possibile». Nicola Irto conclude: «Il momento delle nomine può rafforzare la fiducia dei calabresi nei confronti della politica: un obiettivo, quest’ultimo, che dobbiamo perseguire con tenacia nel corso della legislatura. Rientra in questo quadro la necessità di una riflessione sulla legge regionale 39 del ’95 che disciplina le nomine: una normativa ormai vecchia di oltre vent’anni, che a mio avviso deve essere modernizzata, così come merita un ripensamento complessivo la partecipazione della Regione in enti e società la cui utilità va attentamente valutata. Sono certo che queste siano le decisioni più giuste per la Calabria, oggi».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...