Debiti di Occhiuto, aspra polemica tra Guccione e la Santelli

Sempre più aspra la polemica tra il Pd e Forza Italia sulla vicenda dei debiti di Mario Occhiuto che a detta dei democratici rischiano di ricadere sulle casse del Comune di Cosenza. All’attacco il candidato sindaco del centrosinistra Carlo Guccione: «Se questa è la fiducia che l’ex sindaco chiede agli elettori, allora c’è da preoccuparsi. Riporre la fiducia in chi contrae debiti e li fa pagare ai suoi cittadini rappresenta quanto di peggio possa rappresentare chi ha l’ambizione di governare la città. E’ chiaro – prosegue Guccione – che a Palazzo dei Bruzi ha avuto mano libera un sistema di potere marcio che ha agito contro il bene collettivo. In maniera maldestra l’ex primo cittadino ha cercato di occultare il contenuto della stessa relazione del commissario a Palazzo dei Bruzi, pubblicando sul suo profilo Facebook le ultime tre righe della relazione. Si tratta di un atteggiamento goffo tipico di chi è stato scoperto con le mani nella marmellata. La relazione del commissario straordinario di Palazzo dei Bruzi, prefetto Angelo Carbone, è un atto pesante di accusa verso atteggiamenti e comportamenti omissivi da parte di alcuni dirigenti e funzionari del Comune di Cosenza nella vicenda dei debiti dell’ex sindaco Mario Occhiuto che ricadranno necessariamente sulla collettività in quanto, per effetto delle richiamate varie omissioni, l’ente comunale è tenuto al pagamento dei suddetti debiti, di fatto senza alcuna concreta possibilità che l’azione di rivalsa verso l’ex sindaco possa conseguire alcun successo, alla luce della grave incapienza e insolvenza del debitore Mario Occhiuto. Lo stesso commissario, nella sua relazione cita il procedimento 2777/2013 – creditore Eurostands Spa contro Mario Occhiuto – rispetto al quale, considerato l’omissivo comportamento del terzo pignorato (Comune di Cosenza), il tribunale ha ordinato allo stesso Comune di Cosenza di pagare l’intero debito”. “Il commissario straordinario Carbone – conclude Guccione – ha inviato alle autorità competenti tutta la documentazione che comprova gli atti omissivi di una parte di dirigenti e funzionari, che in concreto si sono tradotti in un vantaggio per l’ex sindaco e costituiscono un danno per i contribuenti». A Guccione replica duramente la coordinatrice regionale di Forza Italia Jole Santelli: «Il candidato Guccione dimostra di non avere idee per la città e insiste nella polemica della macchina del fango. Lo fa non avendo alcun titolo morale, atteso che è noto a tutti che ha vinto il concorsone da porta borse e che è accusato dalla Procura di Reggio Calabria di avere commesso gravi reati contro la pubblica amministrazione – dice la Santelli. Guccione tenta di mestare nel torbido dopo aver fatto una pessima figura: è noto a tutti che ha rinnegato Enzo Paolini, suo sponsor alle regionali, boicottando le primarie pur di non far prevalere l’avvocato. Gruccione non ha idee per la città, non ha contenuti, non dice niente se non ripetere il mantra calunnioso contro Occhiuto. Dopo avere rimproverato per mesi a Mario Oliverio il fallimento della sua politica, oggi se lo ritrova alleato in una penosa campagna elettorale che si concluderà con una disfatta».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...