Attesi a Reggio 600 migranti con 45 salme

Arriverà domani mattina a Reggio Calabria nave Vega della Marina Militare, con a bordo 629 migranti e i 45 corpi recuperati in mare dopo l’ennesimo naufragio avvenuto ieri al largo della Libia. Tra i sopravvissuti ci sono 419 uomini, 138 donne e 72 minori di varia nazionalità (Pakistan, Libia, Senegal Eritrea, Nigeria, Siria, Marocco e Somalia). Il prefetto di Reggio Calabria, Claudio Sammartino, ha presieduto una prima riunione di coordinamento alla quale hanno partecipato i rappresentanti del Comune di Reggio, delle forze di polizia, dell’Azienda sanitaria e ospedaliera e del 118. Nel pomeriggio é in programma un ulteriore incontro con la partecipazione anche delle associazioni di volontariato e degli organismi umanitari. Le operazioni in primo soccorso e assistenza, coordinate dalla Prefettura di Reggio Calabria, saranno svolte dalla Polizia di Stato, dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza, dal Comune, dalla Provincia, dalla Capitaneria di porto, dall’Azienda ospedaliera, dall’Usmaf, dal 118 e dai volontari delle diverse associazioni di volontariato presenti, tra cui la Caritas, il Coordinamento ecclesiale e la Croce Rossa italiana”. Nel momento dello sbarco i migranti verranno sottoposti alle prime cure sanitarie da parte del personale medico presente sul posto e assistiti dalle associazioni di volontariato. Nell’ occasione sarà allestita a cura della Regione Calabria la tenda per il trattamento igienico – sanitario dei migranti con patologie cutanee. I migranti saranno trasferiti in altre province in base al Piano di riparto predisposto dal Ministero dell’Interno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...