Archivio mensile:maggio 2016

Sbarco con 45 morti, fermati due scafisti

Due uomini ritenuti gli scafisti dell’imbarcazione carica di migranti naufragata nel canale di Sicilia provocando la morte di almeno 45 persone – tra le quali 3 bambini – sono stati sottoposti a fermo dalla Polizia di Stato dopo lo sbarco dei superstiti avvenuto ieri. Continua a leggere

Immigrazione, Regione mobilitata. Oliverio: un’emergenza senza precedenti

«Stiamo affrontando in queste ore una emergenza di proporzioni enormi, un’emergenza senza precedenti di cui, pur non avendo responsabilità dirette, ci siamo fatti carico perché ci troviamo di fronte ad una vera e propria tragedia umana rispetto alla quale non si può rimanere assolutamente impassibili». Continua a leggere

Nuovo ospedale di Cosenza, Oliverio e Guccione dettano i tempi: lavori al via entro un anno

«Entro tre mesi sarà pronto il progetto del nuovo ospedale di Vaglio Lise e i lavori inizieranno entro la prossima primavera. La riqualificazione urbanistica, economica e sociale di via Popilia ha un cronoprogramma preciso. Perché con il nuovo ospedale il quartiere popolare con più abitanti di Cosenza diventerà il centro direzionale della città in tempi brevi. E’ la politica delle risposte che Cosenza aspetta dopo anni di oblio e degrado». Continua a leggere

Invade il campo dopo l’ammonizione del figlio, identificato

Ha invaso il campo dopo il fischio di un fallo di gioco, con ammonizione, contro il figlio e si è avvicinato inveendo contro l’arbitro, ma è stato raggiunto e allontanato dall’impianto. Inatteso fuoriprogramma, a Catanzaro, in occasione della partita inaugurale della 55/ma edizione del Torneo delle Regioni organizzato dalla Lega nazionale dilettanti. Continua a leggere

Acqua pubblica, Rende e Castrolibero si sottraggono al dibattito

Saracena, Cosenza e Rende sono le località calabresi toccate dal tour dell’Acqua Pubblica. Guidati dal Sindaco di Saracena, il primo comune d’Italia a ripubblicizzare la gestione dell’oro blu, scopriamo il progetto che in oltre vent’anni ha permesso di costruire tutte le infrastrutture utili per garantire il controllo del Comune su tutte le fasi del ciclo idrico: captazione, adduzione, distribuzione e depurazione. A prendere nota di questo sistema virtuoso c’è Maurizio Montalto presidente di Acqua Bene Comune, azienda speciale della città di Napoli, che tenta con successo di realizzare l’idea referendaria nella grossa metropoli partenopea. La gestione pubblica dell’Acqua a Saracena ha consentito al Comune di stabilire tariffe tra le più basse d’Europa, dai 26 centesimi per le fasce basse, a un massimo di 90 centesimi per le attività commerciali. Una gestione troppo virtuosa per l’Authority d’ispirazione neoliberista che ha aperto una procedura d’infrazione chiedendo a Saracena di far pagare l’acqua almeno 1 euro e 40 centesimi. Continua a leggere

Oliverio: Renzi sta mantenendo gli impegni per la Calabria

«Si inaugura oggi un elettrodotto  fortemente innovativo,  che consente un risparmio di 600 milioni di euro sulle bollette degli italiani, non solo dei calabresi e dei siciliani. È una grande infrastruttura  che serve il Paese. Opere come questa  sono strategiche per la crescita del Paese stesso. Il Mezzogiorno  e questa area sono per esso una risorsa». Continua a leggere