Duplice omicidio a Decollatura, ergastoli annullati

Annullata dalla prima sezione della Corte di Cassazione, che ha escluso la premeditazione ed ha rimesso gli atti alla Corte d’Assise di appello di Catanzaro per la rideterminazione della pena, la sentenza nei confronti di Domenico e Giovanni Mezzatesta, padre e figlio, 61 e 42 anni, difesi entrambi dall’avvocato Francesco Pagliuso e condannati entrambi all’ergastolo in quanto ritenuti responsabili del duplice omicidio portato a segno in un bar di Decollatura il 19 gennaio del 2014. Francesco Iannazzo e Giovanni Vescio, di 29 e 36 anni, furono uccisi mentre sorseggiavano una bibita seduti su un divanetto. A quel punto nel bar entrarono due persone, che li uccisero, infierendo anche sui loro corpi. Le fasi del duplice omicidio vennero riprese dalle telecamere di sorveglianza. Nei fotogrammi si vedono Iannazzo e Vescio entrare nel bar. Ci sono dei divanetti neri attorno a dei tavolini. I due si siedono insieme ad altre persone. Stanno discutendo, quando nel locale entrano Domenico e Giovanni Mezzatesta che iniziano a parlare con loro. La discussione va avanti per un po’ in un crescendo di alterazione fino a quando i Mezzatesta impugnano le pistole che hanno con loro e le puntano contro Iannazzo e Vescio. Nel bar è un fuggi fuggi: c’è chi si ripara sotto il bancone, chi riesce a scappare, chi si chiude in bagno. Ora sono gli uni di fronte agli altri. Giovanni esce e fa da “palo” mentre il padre rimane all’interno e spara. A questo punto il figlio rientra. A terra c’è Giovanni Vescio che tenta di reagire. Giovanni Mezzatesta lo colpisce al volto con un calcio. Impugna l’arma e la punta contro l’uomo. Sembra che esploda un colpo. La pistola, però, si inceppa ed il padre lo spintona per farlo uscire a controllare se nel frattempo i colpi hanno richiamato qualcuno. Quindi, rimasto solo con le vittime, Domenico Mezzatesta spara il colpo di grazia in testa ad entrambi. Portato a segno il duplice omicidio, Domenico Mezzatesta esce dal locale ed insieme al figlio va via velocemente, ognuno a bordo della sua auto. (Ansa)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...