Il Corap ancora al palo, nuovo fronte di caos alla Regione

La Cisl Fp Calabria «denuncia quanto sta accadendo in considerazione delle dimissioni del commissario straordinario dei Consorzi Asi (Consorzi di sviluppo industriale) Giulio Oliverio, a seguito della mancata approvazione e firma del decreto portato in Giunta istituivo del Consorzio regionale delle attività produttive-Corap». Lo afferma il segretario generale della Cisl Fp Antonio Bevacqua. «La Cisl Fp Calabria – prosegue Bevacqua – ritiene tale situazione alquanto anomala e palesemente in contrasto con le recenti approvazioni dei bilanci dei consorzi Asi della Regione Calabria – ultimo ostacolo per la definizione e conclusione dell’iter di accorpamento delle Asi calabresi – e in forte contrasto con le altrettanto recentissime rassicurazioni della stessa Regione circa l’immediata istituzione del nuovo ente Corap nei termini previsti del 30 giugno 2016. Quanto sopra si denuncia, al fine di scongiurare la paventata e ragionevole previsione di volontà occulte e distorte che impediscono la riforma, in danno dei dipendenti dei consorzi, in particolare di quelli del consorzio della Provincia di Reggio Calabria Asireg che da ben undici mesi non percepiscono lo stipendio, avviliti nella loro dignità e nelle loro forze. Sembra infatti di assistere ad una strategia che scientemente è stata messa in atto al solo scopo di non far giungere a compimento l’accorpamento dei consorzi, senza rendersi conto che gli unici che pagano a seguito di questa disdicevole bagarre, sono i dipendenti stremati, ma sempre a testa alta, sottoposti ad una agonia che dura oramai da tre anni. La Cisl Fp Calabria, ribadisce con forza la indifferibilità dell’istituzione del consorzio unico Corap e chiede a tal fine al presidente della Giunta regionale immediati, concreti e ragionevoli chiarimenti che confermino la certezza già garantita da codesta Regione in ordine all’istituzione nei tempi previsti del nuovo ente. Deve essere fin da ora chiaro – conclude Bevacqua – che la Cisl Calabria, nel caso di un immotivato e pretestuoso ritardo, dovuto a irragionevoli strategie scientemente messe in atto, non sarà disposta a subire inerte tali situazioni, adottando con le altre organizzazioni sindacali ogni idonea iniziativa e lotta sindacale affinché tutto si porti a compimento nei termini di legge, a difesa dei lavoratori».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...