Attività produttive, Oliverio istituisce il Consorzio unico

Il presidente della Regione Mario Oliverio ha firmato il decreto con cui viene istituito il Consorzio regionale per lo sviluppo delle attività produttive (Corap). Si tratta del nuovo ente della Regione che accorpa i Consorzi Asi di Catanzaro, Cosenza, Crotone, Vibo e Reggio, regolamentati dalla normativa in materia. Il Corap, che succede, per tutti i rapporti attivi e passivi ai cinque Consorzi provinciali, è soggetto agli indirizzi, al controllo e alla vigilanza, da parte della Regione, e ha la sua sede legale presso il Dipartimento regionale “Sviluppo Economico e Lavoro”. Sono organi del nuovo Consorzio il direttore generale, il comitato di programmazione ed il revisore unico dei conti. Nelle more della conclusione delle procedure, sarà il Commissario straordinario in carica, la dirigente regionale Rosaria Guzzo, ad esercitare i poteri di amministrazione ordinaria e straordinaria dell’organismo per tutti gli adempimenti conseguenti e derivanti dall’applicazione del Decreto presidenziale. L’emanazione del decreto presidenziale conclude un difficile iter procedurale che la Giunta regionale ha dovuto seguire in questi mesi e che ha portato, qualche giorno fa, alla nomina della dirigente Guzzo a commissario straordinario. «Alla dirigente Guzzo – hanno detto il presidente Oliverio e l’assessore Barbalace – è rivolto il nostro ringraziamento per il lavoro e l’impegno profuso che le ha consentito, in pochi giorni, di chiudere una difficile vicenda contabile, riferita ai bilanci dei cinque consorzi, che ci stava impedendo di raggiungere l’obiettivo di dare corso alla costituzione di questo nuovo organismo che sicuramente avrà un posto importante nell’ambito dello sviluppo economico della nostra regione. Finalmente la Calabria ha un soggetto unico per le politiche industriali e si pone un nuovo tassello,dopo la riforma e l’accorpamento delle Aterp, nel processo di riordino e di riforma degli strumenti di intervento sul territorio. Il Corap sarà lo strumento per realizzare politiche industriali e di sviluppo unitario superando la frammentazione e semplificando la “governance”, razionalizzando l’utilizzazione delle risorse attraverso l’abolizione dei consigli di amministrazione, delle direzioni generali e la razionalizzazione delle funzioni dirigenziali che hanno assorbito e macinato, fino a oggi, gran parte delle risorse». Sulla base della relazione fatta dal commissario Guzzo si può partire, quindi, per «dare linfa al nuovo ente» che comporterà, anzitutto, dei risparmi di spesa, attraverso la migliore distribuzione e resa del personale dipendente, l’uniformità dei trattamenti economici a parità di mansioni e responsabilità e la gestione unica degli approvvigionamenti di bei e servizi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...