Consiglio regionale, primo ok al Piano dei trasporti

La proposta preliminare del Piano dei trasporti è stata al centro del dibattito dell’ultima seduta del consiglio regionale. In apertura di lavori l’aula ha reso omaggio con un minuto di raccoglimento alle vittime del disastro ferroviario in Puglia. Quindi, dopo un’ora di sospensione per un black out della rete elettrica esterna a palazzo Campanella, si è partiti con il dibattito, aperto dalla relazione dell’assessore regionale Francesco Russo, che ha illustrato la proposta preliminare del Prt osservando che «si tratta di un programma per cambiare la Calabria, un programma innovativo, perché guarda alle giovani generazioni, vuole rompere l’inaccessibilità della Calabria dall’esterno e al suo interno e si inserisce nel contesto nazionale ed europeo. E’ un piano fondamentale non solo perché ce lo chiede l’Europa ma perché fa diventare sistema ciò che oggi non è sistema». L’assessore Russo rimarcando che «comunque è migliorabile», ha poi osservato che uno degli obiettivi immediati è un collegamento ferroviario che permetta di arrivare da Reggio a Roma e viceversa in 4 ore e ha evidenziato il ruolo centrale nella programmazione assegnato aL porto di Gioia Tauro, per il quale si prevedono l’istituzione della Zes, il polo logistico e il gateway. Russo ha poi indicato il cronoprogramma che prevede l’ok al piano dei trasporti in versione definitiva ad agosto da parte della Giunta con l’obiettivo di renderlo operativo entro la fine dell’anno, così da dotare la Calabria di uno strumento che manca addirittura dal 1997. Apprezzamento al preliminare del Prt è arrivato dai banchi del Pd e della maggioranza di centrosinistra. Il democrat Carlo Guccione ha sottolineato il dato politico «incontrovertibile» del preliminare del Piano «visto che pone le basi per eliminare un vuoto di 20 anni», anche se poi ha invitato Giunta e maggioranza a «fare attenzione a non varare un piano troppo generico e senza priorità». Dall’opposizione non è invece mancata qualche critica, con il consigliere regionale della Cdl Franco Cannizzaro che ha contestato il preliminare del Prt perché conterrebbe «fumo negli occhi, interventi irrealizzabili e tanta demagogia, soprattutto sul porto di Gioia Tauro». In conclusione di seduta in consiglio è poi intervenuto il governatore Mario Oliverio, secondo cui il preliminare del Piano dei trasporti «non è un libro dei sogni ma esprime una visione unitaria della Calabria in una logica integrata di tutti i segmenti, e contiene scelte strategiche precise per le quali noi abbiamo assunto impegni vincolanti e abbiamo avviato un confronto concreto con il governo nazionale che porterà a risultati concreti».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...