Scoperta frode fiscale da 2,5 milioni

I finanzieri del Comando provinciale di Cosenza hanno scoperto una frode al fisco da 2,5 milioni di euro messa in atto da una società di prodotti tecnologici intestata ad una persona inesistente. Ad insospettire le fiamme gialle sono stati i prezzi di vendita praticati, molto più bassi di quelli della concorrenza. Dalla verifica è emersa l’emissione di documenti falsi, le cosiddette dichiarazioni d’intento, per acquistare beni tecnologici senza l’applicazione dell’Iva. Grazie a questo stratagemma l’azienda poteva rivendere a prezzi bassi con effetti distorsivi sulla concorrenza ed indebito risparmio d’imposta. La società è risultata formalmente gestita da un rappresentante “inesistente”, cioè da un soggetto che sfruttava documenti identificativi falsi, mentre era effettivamente amministrata da un imprenditore che è stato denunciato per dichiarazione fraudolenta ed emissione di documenti per operazioni inesistenti. Attivate le procedure per il sequestro di beni per un valore equivalente a quello evaso.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...