Archivi categoria: depurazione

In Calabria un depuratore su tre è “fuorilegge”

Su tutto il territorio regionale, nei primi sei mesi del 2016, l’Arpacal (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Calabria), spesso al fianco delle forze dell’ordine e dell’autorità giudiziaria, ha proceduto a 122 controlli agli impianti di depurazione; con una media di 20 controlli mensili, 5 settimanali. Continua a leggere

Annunci

Sos depurazione, il mare calabrese resta “malato” – SCARICA IL DOSSIER DI “GOLETTA VERDE”

Diciassette campionamenti sui venticinque eseguiti lungo le coste della Calabria presentano una carica batterica elevata, superiore alle soglie stabilite dalla legge. Per 15 di questi punti, principalmente alle foci di fiumi, torrenti e scarichi, il giudizio è di “fortemente inquinato”. Continua a leggere

Depurazione, la Regione approva 100 interventi – L’ELENCO

«Nell’imminenza della stagione balneare e al fine di prevenire il verificarsi di eventuali forme d’inquinamento imputabili a un non corretto funzionamento dei sistemi depurativi costieri, il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio e la sua giunta hanno inteso dare una prima, concreta risposta a un problema che riguarda l’inquinamento delle nostre acque marine». Continua a leggere

Depurazione, Calabria “canaglia”: commissario alle porte

La Calabria ha solo un mese per attenersi «agli obblighi imposti dalla legge di stabilità in materia di individuazione degli enti di governo d’ambito per la gestione del servizio idrico sul territorio (ex Ato)». Il rischio è il commissariamento del settore del trattamento delle acque e della depurazione. Lo annuncia la parlamentare europea Cinque Stelle Laura Ferrara. “La Calabria – scrive Laura Ferrara – è in coda alla lista delle regioni italiane per qualità della depurazione delle acque dei Comuni. Troppi sono ancora gli impianti obsoleti, malfunzionanti o incompleti, tanti quelli sottoposti a sequestro per anomalie e irregolarità. Sembra quasi impossibile scampare il commissariamento, e ad avallare la necessità di apporre la firma al decreto per la sua attuazione, ci sono le sanzioni dell’Unione europea per il mancato superamento delle criticità ambientali create dall’inquinamento di fiumi, torrenti e anche del mare. Sono ben tre le procedure d’infrazione con relativa condanna 2004/2034, 2009/2034 e la numero 2014/2059, per la violazione della medesima direttiva. È questo – aggiunge l’europarlamentare 5 Stelle – il periodo in cui ci si ricorda che la Calabria non ha e non avrà ancora per tanto tempo, ‘un mare da bere’. Un problema annoso ma per il quale si potrebbero individuare specifiche responsabilità. Ne ha fin troppe la classe politica, di ieri e di oggi. Troppo spesso disattenta rispetto alla corretta gestione delle acque e a quanto pare per niente consapevole di quanto un’ottimale gestione della depurazione sia necessaria tanto per l’ambiente quanto per la salute dei cittadini. Eppure di soldi anche da parte dell’Europa ne sono arrivati e non pochi. Per i periodi 2000-2006 e 2007-2013 i programmi regionali della Calabria, cofinanziati dal Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr), hanno stanziato 197 milioni di euro per progetti relativi al trattamento delle acque reflue in Calabria, così come ci informava ad agosto scorso la Commissione in seguito a una mia interrogazione. Nonostante questa pioggia di finanziamenti poche sono state le reali opere terminate o avviate. Nonostante il quadro dal punto di vista ambientale sia totalmente fallimentare, Oliverio nella sua mini giunta non ha previsto un assessore all’ambiente, ruolo primario viste le diverse emergenze sia dal punto di vista dei depuratori che dello smaltimento dei rifiuti. Bisognerà aspettare il famoso nuovo statuto tanto invocato dal neo governatore della Calabria e nel frattempo l’unica certezza – conclude la Ferrara – è che dal primo gennaio l’Italia si trova a pagare una sanzione di 21 milioni di euro i quali evidentemente aumenteranno il prossimo anno”.