Archivi categoria: scalzo

Inchiesta sulle assunzioni all’Arpacal, Scalzo a processo

Il gup di Catanzaro, Pietro Carè, ha rinviato a giudizio per l’ipotesi di abuso d’ufficio in concorso il consigliere regionale del Pd Antonio Scalzo. Continua a leggere

Annunci

Pd, Scalzo: non nascondere la polvere sotto il tappeto…

“Sono trascorsi dieci mesi dalle elezioni regionali che hanno consegnato al presidente Oliverio, al Partito democratico e all’intera coalizione di centrosinistra un ruolo e una responsabilità enorme, la responsabilità di realizzare il cambiamento chiesto dai cittadini in una terra dalle enormi potenzialità ma anche dalle troppe opportunità sprecate”. Continua a leggere

Consiglio regionale, Irto nuovo presidente al primo colpo: anche Ncd vota a favore

Nicola Irto è il nuovo presidente del Consiglio regionale. Con 23 voti Irto, del Pd, supera il quorum alla prima votazione, ottenendo il sostegno anche del Nuovo Centrodestra, venuto un’altra volta in soccorso del Partito democratico com’era avvenuto a gennaio. Continua a leggere

Consiglio regionale al via, Scalzo: ecco perché mi dimetto

«Ho scelto di dimettermi per rispetto delle istituzioni ma soprattutto per senso di responsabilità politica». Lo ha affermato il presidente del consiglio regionale Tonino Scalzo, del Pd, in apertura dei lavori dell’Assemblea che come punto all’ordine del giorno ha l’elezione del nuovo presidente. Continua a leggere

Il “colosso” Amazon punta sulla Calabria

Stage ad “Amazon” per i tre migliori cervelli calabresi. La proposta è stata formulata dal presidente del Consiglio regionale Antonio Scalzo al vicepresidente del colosso dell’e-commerce, Russ Grandinetti, che l’ha accolta con entusiasmo nel corso di un incontro riservato che si è tenuto questo pomeriggio a Lamezia Terme, dopo l’arrivo del manager italoamericano in Calabria. Continua a leggere

Dimissioni Scalzo, Nicolò: parliamone in aula…

«Prendiamo atto della sensibilità dimostrata dal presidente del consiglio regionale Antonio Scalzo che ha deciso di rassegnare le dimissioni compiendo un gesto di responsabilità istituzionale, ma riteniamo, per nostra impostazione garantista, che egli avrebbe dovuto continuare il suo percorso alla guida della massima assise calabrese». Continua a leggere